Libia: riunione di International Follow-up Committee

Il Ministro Di Maio ha partecipato oggi alla sessione conclusiva di una riunione a livello alti funzionari (SOM) dell’“International Follow-up Committee on Libya” (IFCL), gruppo di lavoro internazionale dedicato alla crisi libica e nato con la Conferenza di Berlino di gennaio.

La Libia non può restare un campo di battaglia

La pericolosa e drammatica escalation di queste ore nel campo di battaglia libico, impone riflessioni e azioni concrete sia da parte dell’Italia, sia dell’Europa.

Primo anniversario della riapertura dell’ambasciata italiana a Tripoli

“La stabilizzazione della Libia rappresenta un obiettivo prioritario per l’Italia. Riattivare l’ambasciata d’Italia a Tripoli, un anno fa, è stato un atto fondamentale per sostenere da vicino le autorità libiche nel difficile percorso di stabilizzazione del Paese”. Così il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, all’anniversario della

Libia: indennizzi per italiani

“I cittadini e le imprese che hanno subito le conseguenze della situazione politico-economica in Venezuela dal 2013 e in Libia dal 2011 saranno risarciti secondo forme di indennizzo previste da un emendamento al disegno di legge di Bilancio, che ho fortemente sostenuto,”. Lo ha dichiarato il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano,

Consolato italiano a Bengasi torna in vecchia sede

Il Consolato italiano a Bengasi torna nella sua vecchia sede, distrutta e data alle fiamme durante una manifestazione il 17 febbraio 2006.

Guerra alla Libia con 700 super bombe italiane

“Le operazioni condotte nel 2011 sui cieli libici hanno rappresentato per l’Aeronautica Militare italiana l’impegno più imponente dopo il 2° Conflitto Mondiale”. È orgogliosissimo il Capo di Stato maggiore delle forze aeree, generale Giuseppe Bernardis.

Libia: Frattini parla col nuovo premier del CNT

Il Ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha avuto oggi una cordiale conversazione telefonica con il nuovo Primo Ministro del Consiglio Nazionale di Transizione libico, Abdul Rahim Al Keib.

Guerra in Libia: il petrolio è l’unica (solita) vera ragione

19 marzo 2011: inizia la guerra in Libia. L’Europa attacca, Gheddafi risponde. Ma il motivo sembra essere sempre lo stesso: il petrolio, l’oro più prezioso (e sanguinario).

Le sorprese del dopo Gheddafi

Ultimo giorno di guerra in Libia, oggi scade il mandato conferito dalla risoluzione 1973 del consiglio di sicurezza delle nazioni unite. In queste ore il primo ministro dimissionario del Cnt, Mahmoud Jibril, ha reso noto che in Libia sono stati trovati ordigni nucleari parlando alla rete televisiva Al Arabiya.

Muammar Gheddafi & La Verità su Lockerbie

L’attentato sulla cittadina scozzese di Lockerbie al volo Pan-Am 103, che causò la morte di 270 persone, è l’argomento principale che viene usato per screditare Gheddafi.