‘Tutto quello che dovresti sapere sull’Africa..’ 14-feb. Roma

Domenica 14 febbraio, alle 18.30: Presentazione di “Tutto quello che dovresti sapere sull’Africa e che nessuno ti ha mai raccontato“, Newton Compton 2009, con l’autore Giuseppe Carrisi.

Fin da tempi più remoti l’Africa è stata terra di conquista, e gli interessi extracontinentali ne hanno impedito il consolidamento in Stati.

Agli inizi del XXI secolo, dopo anni di promesse dell’Occidente, spesso tradite dai fatti, il continente africano vive ancora i retaggi del passato coloniale a cui si aggiungono le grandi contraddizioni del presente.

Nonostante il suo illimitato potenziale, l’Africa infatti non è ancora riuscita a darsi un’unità politica ed economica, né ha realizzato un’equa redistribuzione delle risorse e un sistema difensivo che la metta al riparo dai potenziali razziatori delle materie prime.

Inoltre, pur essendo diminuiti, i conflitti armati e i “golpe” continuano a essere la causa principale dell’instabilità politica e il terreno fertile per l’ingerenza straniera.

A questo si aggiungono – spiega Carrisi – nuove piaghe quali il terrorismo internazionale, la droga, la biopirateria e l’emergenza climatica.

Giuseppe Carrisi giornalista Rai, scrittore e documentarista, da anni si occupa delle problematiche dei Paesi in via di sviluppo, in particolare dell’Africa, e ha realizzato numerosi reportage da zone di guerra (Palestina, Sierra Leone, Uganda, Repubblica Democratica del Congo).

Ha pubblicato il volume Kalami va alla guerra, dedicato al fenomeno dei bambini utilizzati nei conflitti armati, e sullo stesso argomento ha anche realizzato un film-documentario, dal titolo Kidogò, un bambino soldato, presentato al Giffoni Film Festival 2008.

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.