I lealisti rifiutano di negoziare la resa di Bani Walid

In Libia armi e grilletti delle forze che hanno scalzato Gheffafi sono puntati sulla roccaforte lealista di Bani Walid.

Il Consiglio nazionale di transizione invita ad attendere prima di sferrare l’offensiva.

Ma i giovani shebab scalpitano. E i loro capi spiegano che la resa dei conti è vicina ma che stanno tenendo a freno i loro uomini per evitare di colpire i civili intrappolati in quella che è ormai una città fantasma.

“Non vogliamo combattere contro il nostro popolo” ribadisce Salah uno dei comandanti ribelli.

 

Fonte:

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.