Intervista a Moulay Abdelghani Abouhani, Marocco

03.Luglio.2011 · Posted in Featured, Med in Italy 27-29 giugno 2011

Intervista a Moulay Abdelghani Abouhani, direttore generale dell’urbanistica, architettura e gestione del territorio presso il ministero dell’urbanistica e dell’habitat del Marocco.

Cosa ne pensa di questo forum di tre giorni sull’edilizia sostenibile?

Sono stati tre giorni molto interessanti, molto intensi, e sono stati affrontati dei temi che per noi sono di attualità e sui quali stiamo lavorando perché la costruzione di città sostenibili, di edifici sostenibili è qualcosa che al giorno d’oggi sta al cuore delle politiche del settore. Stiamo rivedendo tutti i nostri dispositivi giuridici per cercare d’integrare queste dimensioni di sostenibilità in programmi settoriali. Stiamo lavorando ad un nuovo codice urbanistico che integri questa dimensione di sostenibilità. Stiamo anche elaborando nuovi strumenti di pianificazione urbanistica più sostenibili e stiamo anche rivedendo il nostro codice delle costruzioni per introdurre questa dimensione di sostenibilità. Gli scambi che abbiamo avuto ci sono stati molto utili per riuscire un po’ in ciò che stiamo cercando di fare in Marocco.

Qual’è l’importanza di questa cooperazione tra Italia e Marocco?

Penso che si possa recuperare e appronfondire la cooperazione con l’Italia a diversi livelli. Innanzitutto approfondire la cooperazione tra i ministeri. Il ministero dell’urbanistica e dell’habitat del Marocco e l’omonimo ministero in Italia. Credo che questa cooperazione sia ancora da sviluppare. Noi siamo pronti ad allargare il quadro di questa cooperazione se lo desidera la controparte italiana. E’ possibile cooperare anche tra le agenzie urbanistiche. Abbiamo una rete di 25 agenzie e mi auguro che sia possibile sviluppare la cooperazione con le agenzie italiane intorno ai temi dell’urbanistica sostenibile. E’ possibile anche cooperare tra le regioni. Stiamo rivedendo la legge sulle regioni. Si tratta di una grande riforma regionale per allargare le competenze. L’esperienza italiana in questo campo c’interessa molto perché stiamo cercando di regionalizzare le politiche urbanistiche, le politiche sull’edilizia e l’esperienza italiana c’interessa molto. Infine è possibile cooperare tra le camere di commercio e gli operatori privati. Penso che sia sempre possibile individuare diversi ambiti. Adesso bisogna concretizzare. Siamo molto interessati a cooperare con i nostri partner italiani.

 

Intervista di Piervincenzo Canale

Si ringrazia Vincenzo Bonfiglio, interprete.

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Reply