Sudafrica: preparazione per nazionalizzazione mine

Johannesburg – Il ministro per le risorse minerarie, Susan Shabangu, dovrebbe iniziare a preparare “psicologicamente” gli operatori del settore per la nazionalizzazione. Lo ha detto giovedì il leader della sezione giovani del partito di Mandela, l’ANC Youth League, Julius Malema.

La sezione giovani ha comunicato che si sarebbe aspettata che il ministro Shabangu fosse stata la prima a spiegare “alla nostra gente perché stiamo nazionalizzando”, ha detto Malema durante un’intervista a SAfm.

“Dovrebbe preparare psicologicamente il settore minerario, altrimenti ci sarà uno shock… .”

La decisione di mettere il settore minerario nella mani dello stato è stata presa come una politica della sezione giovani del partito durante la conferenza che è terminata domenica.

Recentemente, Shabangu aveva affermato che la nazionalizzazione “non è un’opzione” e che “non è una politica”.

Malema ha affermato che la nazionalizzazione delle miniere in Zambia è fallita perché la domanda di rame è crollata, e gli individui, non lo stato, erano i beneficiari. Una delle proposte avanzate dalla sezione giovani suggeriva di iniziare con gli imprenditori del settore minerario.

Nel momento in cui vengono rilasciate nuove licenze, lo stato dovrebbe tenere il 60% della proprietà e alla società mineraria spetterebbe il 40%.

Le miniere che stanno già operando potrebbero lasciare allo stato il 60% e ripagarsi nel tempo attraverso i profitti.

Il partito di governo ANC ha precisato che la nazionalizzazione delle miniere non è una politica del partito. Le politiche vengono esplicitate durante i convegni nazionali. La prossima riunione nazionale dell’ANC è prevista per il 2012 a Mangaung.

 

Fonte: fin24.com

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.