“Ripensiamo gli aiuti all’Africa” – Aoudou

E ‘giunto il momento di ripensare il metodo di assegnazione degli aiuti all’Africa. Secondo il mio umile parere, fino ad oggi l’approccio usato dai fondi finanziari, si è dimostrato inefficace.

Sì, inefficace e inutile.

Quando si sente dire che qualche istituzione ha elargito tali aiuti monetari concessi a qualsiasi paese africano in un determinato settore (ad esempio, l’istruzione, la sanità, ecc.) apprendiamo poi che vi è stato abuso o cattiva gestione di questi fondi da parte di leader africani. 

E ‘chiaro che, utilizzando le banconote e le monete, non si risolvono i problemi. Gli africani, che vivono in Africa, che hanno bisogno di queste cose, sono costretti a guardare altrove in altri continenti, perché non si trovano a casa nostra, nei nostri paesi.

Quest’esigenza è tanto più evidente in due aree sensibili e importanti che sono l’istruzione e la sanità.

Di che si tratta?

Dobbiamo costruire grandi scuole, università, prestigiosi istituti professionali nei paesi africani più o meno poveri. Quindi, assumere insegnanti occidentali in modo che forniscano istruzione in tali scuole in modo che gli studenti ricevano le stesse lezioni, gli stessi corsi di formazione, le stesse esperienze, di chi studia in Europa o negli Stati Uniti. Così, la grande maggioranza delle popolazioni africane hanno accesso alla formazione a livello locale, nei loro paesi e ad un costo inferiore. In cambio, essi possono servire direttamente la propria nazione, senza che si ponga la questione “ritorno o non ritorno” dopo la laurea, perché si trovano già a casa loro, nel loro paese.

Invece di offrire borse di studio per una manciata di fortunati studenti, un sistema di approvvigionamento che è deplorevole perché troppo selettivo, perché può limitare o distruggere le speranze di molti giovani desiderosi di proseguire i loro studi. Invece di tali insignificanti borse di studio, perché non estendere il campo di applicazione e consentire alla gente di imparare? Da qui l’idea, l’utilità e l’urgenza di aprire grandi opportunità in Africa.

Dall’altro lato, la salute. Ancora una volta, il risultato è negativo. Gli ospedali in Africa nera, in particolare nella cosiddetta PPTE (paesi poveri fortemente indebitati), la situazione è terribile. C’è mancanza di specialisti per tutte le patologie e mancano le infrastrutture mediche. O gli apparecchi sono vecchi e obsoleti o semplicemente sono inesistenti. Per qualsiasi intervento chirurgico, si deve portare il paziente verso l’Occidente. Vogliamo ospedali come quelli dei  “bianchi”, con i migliori medici specialisti consapevoli della loro missione e delle attrezzature mediche.

In breve, l’Africa ha bisogno di essere costruita, sviluppata. Dare soldi per corrompere i leader africani, non è la soluzione migliore.

Vogliamo lavorare per cose reali, tangibili, concrete.

Chi si prende cura del benessere, del futuro di questo bellissimo continente pieno di ricchezze, ci aiuti a sviluppare meglio l’Africa.

Djaratou Aoudou

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.