Presentazione libro 500 STORIE VERE – Roma, 25-5

Presentazione del libro di Isoke Aikpitanyi
500 STORIE VERE
Sulla tratta delle ragazze africane in Italia

 

L’AUTRICE NE DISCUTE CON

  • Suor Eugenia Bonetti, missionaria della Consolata
  • Giuseppe Carrisi, giornalista e scrittore
  • Oria Gargano, Presidente Associazione Be Free
  • Gianguido Palumbo, cooperatore internazionale, scrittore

 

Roma, mercoledì 25 maggio, ore 18.00
la Feltrinelli Librerie, via V.E. Orlando 78/81

Il libro

Isoke Aikpitanyi
500 STORIE VERE
Sulla tratta delle ragazze africane in Italia
Prefazione di Susanna Camusso, Presentazione di suor Eugenia Bonetti

Collana Materiali, Pagine 164, prezzo 10,00 euro

 

 

Il libro, basato sui risultati di un’indagine capillare svoltasi in tutta Italia e realizzata con il contributo del Ministero delle Pari Opportunità, racconta con forza e concretezza le storie di centinaia di ragazze nigeriane rese schiave e costrette con l’inganno a prostituirsi dall’alleanza fra mafia nigeriana e criminalità italiana.

Sono tante le ragazze africane scomparse o uccise, ma questo non ferma il flusso illegale e ininterrotto di arrivi di migliaia di giovanissime, spesso minorenni, che da quasi vent’anni vengono condotte nel nostro paese.

A tutte viene imposto un debito altissimo, fino a 80 mila euro, cui debbono far fronte nel tempo sotto la stretta e violenta sorveglianza della rete delle maman, diffuse capillarmente in tutto il territorio nazionale. Eppure sta crescendo il numero delle ragazze che, come l’autrice del libro, si ribellano al ricatto della mafia e, attraverso percorsi diversi, riescono a liberarsi dal suo dominio.

La prostituzione coatta in Italia di migliaia di ragazze straniere non è solo una questione culturale e sociale relativa alla coscienza maschile, ma riguarda i diritti umani negati (la tratta di esseri umani), la violenza sulle donne (violenza psicofisica ripetuta) lo strapotere delle criminalità organizzate africana e italiana e, infine, l’inconsistenza e l’incoerenza delle relazioni internazionali Italia-Africa ed Europa-Africa.

Per anni Isoke ha trascorso – e trascorre tuttora – le sue giornate aiutando altre ragazze schiavizzate a sopravvivere innanzitutto e a cercare di liberarsi dalla condizione di sfruttamento, girando l’Italia a raccontare la sua e le altre storie per smuovere coscienze e provocare azioni concrete, trasformazione di comportamenti maschili, femminili, istituzionali.

Contributi significativi affiancano nel libro la denuncia della tratta: quelli dello scrittore Roberto Saviano, dei musicisti inglesi Michael Nyman e David McAlmont, dell’artista americana Martha Rosler, cui si accompagnano le riflessioni di Claudio Magnabosco e Gianguido Palumbo, due uomini italiani impegnati nelle reti e nelle associazioni contro la tratta per un cambiamento delle responsabilità maschili.

Isoke Aikpitanyi. Nata in Nigeria a Benin City, arriva in Italia nel 2000 per lavorare, ma viene ingannata e resa schiava dalle mafie nigeriana e italiana. Liberatasi dall’oppressione, si dedica interamente alle altre decine di migliaia di ragazze nigeriane schiavizzate in Italia avviando il Progetto «Le ragazze di Benin City» divenuto un’associazione. Coautrice del libro La ragazza di Benin City, ha ricevuto numerosi premi per il suo impegno.

 

Fonte: ufficio stampa Casa editrice Ediesse

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.