Arte africana contemporanea a Viterbo

Cheri Cherin

Vitarte propone tra gli  eventi collaterali, l’esposizione d’arte contemporanea africana “L’Africa nei loro occhi” che presenta, undici artisti per sei paesi dell’area subsahariana:

  • Cheri Cherin, Pierre Bodo, Amani Bodo, Jean Paul Nsimba Mika (Repubblica democratica del Congo);
  • George Lilanga da Nyama (Tanzania);
  • Almighty God (Ghana);
  • Bruce Onobrakpeya,  Prince Twins Seven Seven, (Nigeria);
  • Kivuthi  Mbuno (Kenya);
  • Ester Mahlangu e Churchill Madikida (Sud Africa).

Pierre bodoUn’attenta selezione curatoriale di dipinti, sculture e video porteranno il grande pubblico, che affollerà gli spazi del Ex Convento dei Carmelitani Scalzi per la settima edizione di Vitarte, in un’atmosfera tipicamente “africana”.

L’associazione Culturale Kyo presenterà la propria collezione d’arte contemporanea africana, che verrà integrata per l’occasione da altre opere prestate da artisti, collezionisti, gallerie europee e africane.

Antonella Pisilli nel testo critico che accompagna la mostra scrive: “Quando si parla di arte africana si tende generalmente ad uniformarla in un unicum modo di fare arte disattendendo la vastità e diversità di stili e tecniche artistiche specifiche per ogni Paese, la mostra “L’Africa nei loro occhi” illustra universi culturali africani visti ed elaborati dal vissuto dell’artista africano alle prese con la contemporaneità e la globalizzazione.

Il Ghana, la Repubblica Democratica del Congo e gli altri Stati africani coinvolti nel progetto animano un confronto interculturale mantenendo  radici comuni e condividendo gli stessi problemi che li affliggono. Il genius loci del puro artista africano attraversa il continente in modo trasversale, la scelta ricade scrupolosamente sugli artisti  che non hanno avuto contaminazioni occidentali e che guardano il loro paese con l’autenticità dell’occhio africano puro.

La vastità del continente nero abbraccia diverse culture, tradizioni e linguaggi artistici diversi tra loro, un confronto interculturale che delinea un’unica identità artistica attenta alla società ed ai bisogni delle popolazioni martoriate da fame guerre e carestie.

Nonostante i grandi successi internazionali e l’acquisizione di fama e ricchezza artisti come Cheri Cherin, Pierre Bodo, Almighty God, Bruce Onobrakpeya, hanno preferito rimanere a vivere nella loro terra dimostrando un profondo attaccamento alle proprie radici culturali e identitarie.”

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.