Nigeria Central Bank: l’agenda del neo governatore

In un’intervista rilasciata al Financial Times, il nuovo governatore della Banca centrale della Nigeria, Mallam Lamido Sanusi, ha esposto il suo piano per il settore bancario del paese dell’Africa occidentale.

La sua nomina, avvenuta all’inizio del mese, ha scatenato le polemiche tra chi sosteneva le idee del predecessore, Chukwuma Soludo, e coloro che le osteggiavano.

In una delle prime dichiarazioni pubbliche, il nuovo governatore aveva lanciato un appello al presidente Umaru Musa Yar’adua sul fatto che la realizzazione del suo programma in sette punti si stava complicando:

“L’agenda del governo del presidente Umaru Musa Yar’adua dovrebbe “concentrarsi” su due punti, la questione energetica e le infrastrutture fondamentali.
Fino a quando non risolveremo il problema delle infrastrutture in
questo paese non avremo neanche iniziato a risolvere i nostri problemi.
Il mio punto di vista sull’agenda è che se riuscissimo a concentrarci
su due punti e risolverli nei prossimi quattro anni questo potrebbe
essere un contributo molto più efficace anziché concentrarci su sette
punti”.

Parlando al Financial Times
la scorsa settimana, il governatore ha detto che il mercato capirebbe
se il problema fosse affrontato e che ci sono iniziative doverose e
professionali per risolverlo.

Approfondendo la questione, ha aggiunto: “Secondo me, il numero di
banche che necessitano di un aiuto importante è relativamente esiguo.
Sfortunatamente una parte di queste potrebbero essere sistematicamente
importanti, ed è per questo che è importante come si affronta il
problema in termini di comunicazione, come lo si affronta in termini di
priorità in modo tale da non crearne uno ancora più grave”.

Parlando sul ruolo che le banche straniere
giocano nel settore bancario nigeriano, il governatore ha detto a
Matthew Green, corrispondente del Financial Times in Africa
occidentale: “Spero che saranno interessate e spero che capiranno che i
fondamentali economici rimangono molto forti.
A parte i problemi col sistema finanziario, i prezzi del greggio sono
al rialzo, il governo si sta rafforzando. Ci sono progressi in settori
chiave. L’inflazione sta diminuendo. Stiamo cercando di capire cosa
fare per tenere basso il tasso d’interesse quanto più possibile e
incoraggiare la crescita”.

Secondo il nuovo governatore, la banca centrale della Nigeria
al momento non appoggerà l’acquisto da parte di banche straniere di una
quota maggiore del 10% di una banca nigeriana. Tuttavia sta cercando di
cambiare il sistema in linea con le nuove regole bancarie e
d’investimento.

Per quanto riguarda la trasparenza, ha detto che il mercato dovrebbe avere fiducia in lui e che farà ciò che ha promesso.

Ewanfoh Obehi Peter

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709