“Anfibi rasati” di Hamid Barole Abdu

Razza superiore,
In tuo nome
Calci e botte
Le ossa rotte
Il sangue scorre lontano
Dal mio corpo tremante
E la mia vita muore.
Uomo di pelle nera
Non bestia
Se pure trattato come tale.
Uomo
Senza difesa aggredito
Scaraventato.
La mano di mio fratello
Si scaglia con tanta violenza
La mano di Caino si abbatte
Sul corpo di AbeleIeri le carezze di mia madre
Riscaldavano il mio cuore
Oggi il tuo calcio di uomo
Cancella la mia mente.

Hamid Barole Abdu

(Akhria – io sradicato poeta per fame, 1996)

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.