Somalia: ucciso Abduwali Ali Hassan, giornalista

Il giornalista freelance Abduwali Ali Hassan (25) è stato assassinato a colpi di pistola il 16 febbraio scorso da sconosciuti. Lo ha reso noto la Federazione internazionale dei giornalisti (IFJ) esprimendo condoglianze per questa perdita e ribadendo la sua vicinanza alla National Union of Somali Journalists (NUSOJ), l’unione nazionale dei giornalisti somali, nel condannare questo crimine e nel chiedere giustizia.

Il giornalista Abduwali Ali Hassan, conosciuto anche come Abduwali Online, è stato ucciso nella serata di domenica, nella città di Afgoye nella regione di Lower Shabelle, 30 chilometri a sud di Mogadiscio. Stava tornando dopo un servizio quando gli assassini hanno aperto il fuoco contro di lui. Ali Hassan è stato colpito in modo grave ed è morto durante il trasporto all’ospedale di Mogadiscio.

Abduwali Ali Hassan è il prrimo giornalista somalo ad essere ucciso nel 2020 e lascia una moglie e due bambini.

Era un reporter freelance per Kulmiye Radio di Mogadiscio e per il canale Universal TV che ha sede a Londra. In base alle testimonianze dei giornalisti raccolte dalla NUSOJ, Ali Hassan aveva ricevuto delle minacce da un numero telefonico sconosciuto. Pensano inoltre che sia stato preso di mira per i suoi recenti articoli circa la sicurezza e le recenti mobilitazioni e manovre dell’esercito nazionale somalo nella regione di Shabelle. Finora nessuno ha rivendicato la responsabilità del suo omicidio.

L’uccisione si è verificata dopo qualche giorno dalla dichiarazione di Amnesty International che, in una relazione, sosteneva che i giornalisti in Somalia sono “sotto attacco” e che lavorano in “condizioni orrende”, affrontando bombe, violenze, attacchi e arresti. Lo scorso mese di ottobre, l’IFJ lanciava l’allarme a proposito della Somalia, che è uno degli stati più pericolosi in Africa per i giornalisti, con 55 lavoratori dei media uccisi dal 2010. Solo quattro di questi omicidi sono stati sanzionati da allora.

“Esprimiamo la nostra rabbia e la nostra condanna per l’omicidio di Abdulwali Ali Hassan, l’ultima vittima di questo continuo ciclo di intimidazioni, violenze e uccisioni contro i giornalisti in questo paese”, ha detto Omar Faruk Osman, il segretario generale del sindacato dei giornalisti somali. “Gli assassini volevano zittire una delle poche voci indipendenti provenienti da Afgoye. Hanno vinto uccidendo il nostro collega,” ha aggiunto.

Il segretario generale dell’IFJ, Anthony Bellanger, ha detto: “È un triste inizio anno per i media somali. Esprimiamo cordoglio per la tragica morte del nostro collega e ribadiamo la nostra vicinanza alla sua famiglia e ai suoi amici. La continua impunità per gli omicidi dei giornalisti in Somalia è inaccettabile. Chiediamo un’indagine rapida e approfondita su questo omicidio e su tutte le uccisioni dei giornalisti che non sono ancora state risolte”.

Fonte: IFJ.org

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.