SCENE DI LOTTA RAZZIALE ALLA SORGENTE DEL NILO

Il Liceo Nostra Signora del Nilo è costruito nei pressi della sorgente del grande fiume dove si erge la statua di una dea, nera come Iside ma con gli abiti e la posa della Madonna dei Cattolici Romani.

Nstra-Signora-del-Nilo-nostra-signora-del-nilo

Negli anni settanta del secolo scorso è il più prestigioso istituto superiore del Ruanda, lì viene formata l’elite femminile del paese.

Le alunne sono figlie di ministri, uomini d’affari, ambasciatori, di etnia hutu destinate a diventare modello di comportamento per tutte le vere ruandesi. Tra loro ci sono anche ragazze tutsi, ammesse in virtù della quota concessa all’etnia minoritaria. In mezzo alle prime due anche le figlie della terza razza, quelle che non sono né l’uno né l’altro, frutto di matrimoni misti.

Tutte le ragazze fanno la stessa vita di collegio ma la tensione tra le etnie si avverte tagliente man mano che il racconto si dipana tra dispetti d’adolescenti, diatribe religiose e dispute politiche che culminano nell’odio razziale.

Mutamuriza, colei che non bisogna far piangere, è una ragazza tutsi dietro cui s’intravede l’esperienza vissuta dall’autrice.

Modesta, di padre hutu e madre tutsi, cerca di mostrate a tutte di essere una vera hutu ma infine sbotta: “…Tutto questo si fonda sulle tue bugie”.

E Gloriosa, figlia del popolo maggioritario, risponde: “Nessuna bugia, è solo politica”.

Con una narrazione scorrevole Scholastique Mukasonga riesce ad affrontare, quasi con levità, il tema della sopraffazione dell’uomo sull’uomo analizzato sottoforma di colonialismo, lotta tribale, superstizione religiosa.

E alcune affermazioni che appaiono nel racconto come “Resta con i tuoi!” o “A chi appartieni?” rimandano a suggestioni di altre culture, lontane geograficamente ma vicine nel sentire il peso dei torti subiti.

 di Demetrio Canale

 

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.