Rossella Urru liberata: la voce di Mauritanie24.net

Mauritania: liberazione del poliziotto preso in ostaggio da Aqmi

Il poliziotto mauritano, Ely Ould Moktar, ostaggio nelle mani di AQM, è stato liberato oggi 2 marzo 2012. Mauritanie 24 lo ha appreso da fonti della sicurezza. Il poliziotto era stato rapito lo scorso 20 dicembre 2011 in località Adel Begrou situata a quattro chilometri dalla frontiera col Mali, vicino la città maliana di Nara.

View Larger Map

 

L’11 febbraio scorso, AQMI aveva minacciato di uccidere, entro venti giorni, il poliziotto mauritano preso in ostaggio se le autorità mauritane non avessero soddisfatto le loro esigenze.

L’organizazzione terrorista proponeva la liberazione dell’ostaggio contro due dei suoi combattenti prigioneri in Mauritania. Finalemente, la Mauritania ha liberato uno dei combattenti di Aqmi, Abderrahmane Ould Amadou Al-Azawadi, contro la liberazione del poliziotto mauritano e di una volontaria italiana Roffella Urru, catturata lo scorso ottobre dal campo di Rabouni che ospita rifugiati sahraouis, vicino Tindouf in Algeria.


View Larger Map

I due ostaggi liberati sono attesi sabato 3 marzo 2012 a Bamako. Il poliziotto mauritano tornerà a Nouakchott con un volo speciale. La volontaria italiana è attesa per lo stesso giorno a Roma. « Questa liberazione è un omaggio a tutti i nostri soldati che rischiano la loro vita ogni giorno. Oggi, l’esercito mauritano è forte e ha dimostrato, dopo i numerosi attacchi contro Aqmi, di poter essere una forza di dissuasione. Attraverso il dispiegamento delle unità anti-terrorismo sul nostro vasto territorio e con un’ottima forza aeronautica, la Mauritania protegge meglio le sue diverse frontiere » precisa Mohamed Ould El Kory, coordinatore della commissione Politica dell’Unione Per la repubblica (UPR, partito al potere in Mauritania).

 

Mauritanie 24

[traduzione di Piervincenzo Canale]

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.