Riunione festival cinema lombardi il 26-10 a Milano

Riceviamo via mail e pubblichiamo

$O$: I FESTIVAL, IL TERRITORIO, L’ECONOMIA
QUAL È OGGI IL VALORE ECONOMICO DEI FESTIVAL?
E QUANTO INCIDE SUL TERRITORIO?
 
LA TRIENNALE
PALAZZO DELL’ARTE
Teatro Agorà 
Milano
26 ottobre 2010
ore 15.30

 
5,00 € per ogni euro investito. Oggi investire in cultura cinematografica significa anche investire sull’economia del territorio.
 
Patrocinato dal Comune di Milano, assessorato alle Attività Produttive e da AFIC, associazione festival cinematografici italiani, il Coordinamento Festiva Lombardia, promuove una riflessione e un confronto aperto  con gli addetti ai lavori, con i potenziali investitori, ma anche con le istituzioni, per parlare, in un momento particolarmente difficile, dell’importante ruolo economico che  le manifestazioni festivaliere svolgono sul territorio.

E’ stato calcolato, infatti, che per ciascun euro investito in una manifestazione   audiovisiva, la ricaduta sul territorio di competenza  –  sia sui festival, sia sulla vita del prodotto filmico presentato –  è almeno cinque volte superiore.
 
Oggi ci si può infatti appoggiare ad una Fondazione bancaria e aprire – a nome del Coordinamento Festival Lombardia – un Fondo di raccolta per il cinema, attraverso il quale i potenziali donatori potranno godere di un vantaggio fiscale, in quanto le donazioni stesse sono deducibili  fiscalmente.
 
Da non dimenticare, naturalmente, come nel “sistema cinema” i Festival continuino ad avere un significativo  impatto sociale e culturale, svolgendo un ruolo promozionale e di lancio delle opere, in vista del loro successivo utilizzo in sala, in televisione, in pay per view, in DVD, in database, via internet.
 
Ma non solo.
 
Essi supportano il divismo che è una delle chiavi di volta del cinema popolare;  scoprono e promuovono cinematografie e autori nuovi o poco noti;, rappresentano un “circuito alternativo non commerciale ” per tutte quelle opere che non approderanno mai, e sono la maggior parte, ad una visione in sala.;
E aprendosi al futuro, contribuiscono alla formazione di un pubblico giovane attento alla contemporaneità.
 
Ci  sembra ormai indispensabile pensare ad un progetto culturale anche come un investimento ‘intelligente’ che avrà poi un suo concreto vantaggio economico..

  •  ore 15.00 registrazione partecipanti
  • 15.45 apertura lavori a cura del Coordinamento Festival Lombardi
  •  16.00 Massimo Zanello – sottosegretario alla Presidenza per il cinema in Lombardia su intervento della Regione in campo cinematografico
  •  16.15 Nicola Borrelli, direttore della Direzione Generale Cinema – Ministero Beni Culturali sui criteri che regoleranno l’erogazione di contributi per i prossimi anni
  • 16.35 Mario Abis, sulla ricerca avviata da IULM e AFIC per mettere a punto parametri “oggettivi” di valutazione economica dei festival,
  • 16.55 Angelo Signorelli (Bergamo Film Meeting) su un nuovo fondo costituito dalla Fondazione della Comunità Bergamasca (Cariplo) per la promozione audiovisiva,
  • 17.15 Andrea Romeo, General Manager di Festival of Festivals -il congresso italiano dei festival culturali, sull’ azione di networking “Emergenza festivals” per una migliore deducibilità fiscale degli investimenti privati e un sensibile incoraggiamento fiscale a favore dei promotori dei festival culturali
  • 17.35 dibattito con il pubblico
  • 18 .00 conclusioni a cura Coordinamento Festival Lombardi

 
Coordinamento Festival Cinematografici Lombardi

  • Bergamo Film Meeting
  • Festival del Cinema Africano, d¹Asia e America Latina
  • Festival del Cinema Italiano – Fondazione Cineteca Italiana
  • Filmmaker
  • Invideo
  • MGM Digital Media Guru
  • Milano Film Festival ,
  • Sguardi Altrove Film Festival
  • Sport Movies & Tv

 
Info:
festival@coeweb.org
info@mostrainvideo.com
sguardialtrove@virgilio.it

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.