RCA: violenze religiose mortali a Bambari

Gli scorsi 20 e 21 agosto a Bambari, le violenze interreligiose sono scoppiate tra i cristiani e i musulmani. Il bilancio è pesante: diversi morti mentre un membro del personale umanitario del Comitato internazionale della Croce Rossa è stato pugnalato mentre andava a prestare soccorso ad alcune vittime.

Le violenze hanno fatto una decina di morti e quasi una decina di feriti nella città di Bambari, al centro della Repubblica centrafricana. Giovedì, un musulmano sarebbe stato ucciso sulla strada Bambari-Simbolo, il che ha dato fuoco alle polveri in questa città simbolo delle tensioni interreligiose durante la crisi.

Secondo numerosi abitanti contattati sul posto, una frangia radicale di giovani musulmani, che non sono ex ribelli della Seleka, avrebbe voluto vendicarsi ed ha cominciato a massacrare gli abitanti cristiani.

Mentre i membri del Comitato internazionale della Croce Rossa, il CICR, si apprestavano a recuperare i corpi delle vittime, sono stati attaccati dagli stessi giovani. Il capo della sotto delegazione del CICR a Bambari è stato pugnalato, tuttavia le sue condizioni non sono gravi, afferma il portavoce dell’organizzazione. Diversi volontari della Croce Rossa centrafricana sono stati attaccati anche loro. Per il momento, le due strutture non hanno deciso quale sarà la loro reazione a questi attacchi.

“Non abbiamo visto arrivare quest’incidente”

Germain Mwéhu, portavoce del CICR in Centrafrica, confessa che queste violenze sono inattese. “Il CICR è presente a Bambari da diversi mesi e conduce diverse attività, sia nell’ambito della sicurezza economica che nell’ambito della salute, e la nostra presenza non è mai stata messa in discussione, ricorda il responsabile della Croce Rossa. Abbiamo delle buone relazioni, buoni contatti con tutte le parti coinvolte nei conflitti e nella violenza. Le cose vanno avanti normalmente. Non abbiamo visto arrivare quest’incidente. Speriamo sia un caso isolato.”

Per il momento, il CICR aspetta di avere più elementi prima di prendere delle decisioni. “Stiamo analizzando la situazione per cercare di sapere chi è alla base di quanto sta accadendo, quali sono le ragioni che stanno dietro a quest’incidente. Da quel punto in poi valuteremo quale sarà il seguito e la forma delle nostre operazioni nella regione di Bambari e principalmente le nostre attività in funzione dell’evacuazione dei feriti e dei corpi senza vita. In questa fase, tuttavia, stiamo ancora analizzando la situazione, aggiunge Germain Mwéhu. Appena avremo capito quali sono le parti in causa, prenderemo delle decisioni.”

Venerdì la tensione restava alta. Barricate sono state erette da parte della popolazione cristiana per impedire ai musulmani di arrivare in alcuni quartieri.

Fonte: nr.news-republic.com, rfi.fr/afrique

 

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.