Pound egiziano visto sotto pressione-analisi

Di Patrick Werr

CAIRO, 5 maggio – La ridotta domanda di moneta egiziana dopo tre mesi di crisi politica si deve ancora riflettere nel tasso di cambio e ciò ha iniziato a danneggiare l’economia, secondo quanto affermato dagli analisti.

Le rivolte iniziate il 25 gennaio hanno fatto scappare i turisti e gli investitori stranieri e hanno fatto diminuire le esportazioni, che sono tra le più importanti fonti di valuta estera del paese. Gli analisti, inoltre, dicono che la banca centrale dovrebbe permettere un deprezzamento della valuta che rifletta il cambiamento.La ridotta domanda di moneta egiziana dopo tre mesi di crisi politica si deve ancora riflettere nel tasso di cambio e ciò ha iniziato a danneggiare l’economia, secondo quanto affermato dagli analisti.

L’Egitto ha visto scendere le proprie riserve di valuta estera di almeno 6 miliardi di dollari nei primi tre mesi di quest’anno a 30,1 miliardi di dollari alla fine di marzo. Ha anche visto scendere le riserve non ufficiali di 7 miliardi di dollari.

“Adesso il mercato indica che la moneta continuerà a scendere, quindi devono decidere cosa vogliono fare,” ha detto John Sfakianakis, economista di Bank Saudi Fransi.

La banca centrale egiziana afferma che non si occupa dei prezzi della valuta e che la sua politica e’ di lasciare che il pound rifletta la domanda e l’offerta.

Prima delle proteste, i turisti portavano circa $1,15 miliardi di dollari mentre gli investitori circa $375 milioni di dollari al mese.

Anche se adesso molti hanno lasciato il paese, il pound ha perso solo il 2,2 percento contro il dollaro Usa. Gli analisti dicono che il governo e’ stato riluttante a lasciare che il pound si svalutasse per paura che ciò provocasse un aumento del costo degli alimenti importati.

L’aumento del prezzo dei generi alimentari ha contribuito a scatenare le proteste che hanno portato alla caduta del presidente Hosni Mubarak a febbraio.

Tuttavia, Turker Hamzaoglu, un economista del MENA al BoA-ML, ha detto che un pound più debole nel breve periodo aiuterebbe le esportazioni e nel lungo periodo farebbe impennare il turismo, settori che negli ultimi anni sono stati i più importanti fornitori di posti di lavoro.

“Nel breve periodo, i turisti non verranno anche con un pound più debole fino a quando le cose non si stabilizzeranno sul fronte politico. Sul lato delle esportazioni, tuttavia, un pound più debole può ancora generare un confortevole vantaggio,” ha detto. “A parte indebolire il pound, possono fare ben poco per stimolare l’economia nel breve periodo,” ha detto Hamzaoglu, che crede che il pound dovrebbe indebolirsi tra il 10 e il 15 per cento.

Fonte: Reuters Africa newsletter

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.