Nigeria: militanti islamici attaccano nel nord

“Sono oltre 100 i corpi senza vita già depositati nelle caserme della polizia mentre gli agenti ne aspettano altri in arrivo”, ha detto il giornalista della radio locale, Ibrahim Bala, alla agenzia di stampa francese AFP.

L’ondata di violenza degli ultimi due giorni nel nord della Nigeria è stata tutto tra l’orrore e il panico nello stato di Borno, dove più di 3000 persone sono state disperse.

Un gruppo di estremisti islamici, che combatte per instaurare un regime simile a quello dei Talebani, ha provocato disordini nella città di Bauchi domenica scorsa. Le forze dell’ordine li hanno fronteggiati in tutti e tre gli stati a maggioranza musulmana, tutti nel nord della Nigeria, dove le violenze si sono diffuse rapidamente.

Oggi, grazie ai coprifuoco e a tutte le misure di sicurezza messe in piedi velocemente, le violenze sembrano essere diminuite ma la paura ancora domina le menti di molte persone.

Dopo diversi attacchi ai posti di blocco della polizia e alle caserme, il presidente Yar’Adua ha lanciato un appello alla calma e all’ordine e ha chiesto alle forze di sicurezza di contenere gli estremisti  con le misure necessarie.

Parlando degli incidenti di ieri a Bauchi, l’Assistance Inspector General of Police (AIG), ha detto che i militanti hanno attaccato il commissariato di polizia di Dutsin Tanshi, così la polizia non ha avuto altra scelta che aprire il fuoco per difendersi.

La polizia ha ucciso 39 persone tra gli aggressori e ne ha ferite molte altre. Due poliziotti e un soldato hanno perso la vita durante questi scontri che al momento fanno salire la contabilità delle morti a circa 150.

Mohammed Maigari Khanna, portavoce del governatore dello stato di Bauchi, dove hanno avuto inizio le violenze di domenica scorsa, ha detto che le forze di sicurezza stanno cercando i militanti che hanno provato a lasciare lo stato mentre già hanno arrestato alcuni di loro. “Un coprifuoco – ha aggiunto – è stato imposto dall’alba al tramonto ed è assicurata la presenza delle forze dell’ordine in tutti i posti”.

Sin da quando il potere è tornato in mano ai civili, il 29 maggio del 1999, circa diecimila nigeriani sono morti a causa delle violenze settarie.

Le crisi nel Delta del Niger, che coinvolgono il MEND (Movimento per l’Emancipazione del Delta del Niger) che combatte per una maggiore distribuzione delle rendite del petrolio estratto dalla loro terra, si sono fermate solo qualche settimana fa.

Milioni di nigeriani stanno aspettando che il presidente Yar’Adua realizzi il programma in 7 punti che ha scritto lui stesso.

Se non altro, la speranza del governo è sicuramente di non trovarsi costretto a combattere due conflitti nel sud e nel nord del paese.

Ewanfoh Obehi Peter

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709