Migrazione: Rimesse ai paesi d’origine e sviluppo

Oltre 500 miliardi di dollari: questa la stima delle rimesse annuali dei migranti verso i loro paesi di origine per il 2016. Un dato che testimonia il forte impatto economico delle rimesse nell’economia globale e che dimostra come la migrazione sia anche uno strumento di sviluppo per i paesi di origine.

Al rapporto tra migrazione, sviluppo e diaspore è dedicato il worskhop internazionale “Integrating Migration into Development: Diaspora as a Development Enabler”, che si svolge a Roma, alla Farnesina, nei giorni 2 e 3 ottobre 2014. L’evento è il risultato della collaborazione tra il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), sotto l’egida della Presidenza italiana del semestre europeo, e riunirà rappresentanti di governi europei, mediorientali e africani, esperti e tecnici di migrazione e sviluppo.

I lavori saranno aperti dal segretario generale della Farnesina, ambasciatore Michele Valensise. Tra i relatori il direttore generale dell’Oim, William Lacy Swing, il rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni unite per le migrazioni internazionali e lo sviluppo, Peter Sutherland, e Nichi Vendola, in qualità di presidente del Comitato delle regioni dell’Unione europea.

Fonte: esteri.it

 

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.