L’ORRORE

 

(dei Neri manganellati

alla televisione ed il mondo

intero che guarda)

La frusta del male

Al centro dell’Africa

Giorno e notte senza rumore,

Come un carnefice,

Semina fame e guerra

L’acqua fugge via

E gli alberi si riparano

Lontano verso l’equatore

E come uccelli senza nido

Senza cibo e senza vita

Gli uomini in fila come formiche

Senza speranza, battono il tempo

All’avvicinarsi delle costrizioni cadono

A terra schiacciati.

Bayonne Mabiala Mavoungou

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.