Libia: scongelati 2,5 mld euro di fondi – Frattini

L’Italia sblocca fondi, per un totale fino a 2,5 miliardi di euro, congelati alla Libia di Gheddafi. Lo ha reso noto il Ministro Franco Frattini spiegando che il Comitato sanzioni Onu ha dato il suo via libera alla richiesta di ‘scongelamento’ arrivata dal Governo italiano.

Roma – ha spiegato Frattini lasciando Tirana dove stamattina era in missione – aveva chiesto al comitato sanzioni Onu di poter sbloccare i fondi congelati con la risoluzione 1970 per far fronte a richieste di risorse per la Libia.

Il Comitato sanzioni Onu – ha spiegato il Ministro – “ci ha comunicato il via libera”: si tratta di un’operazione che “vale 2,5 miliardi di euro”.

In particolare si tratta di quei fondi, legati a Gheddafi ed al suo regime, che erano stati ‘congelati’ con le sanzioni decise dall’Onu nella risoluzione 1970 – i fondi della Central Bank of Libya, della Libyan Investment Authority, della Libyan Foreign Bank, della Libyan Africa Investment Portfolio, della Libyan National Oil Company – di cui l’Italia aveva chiesto alle Nazioni Unite lo scongelamento per fare fronte alle necessità della popolazione libica.

 

 

Fonte: esteri.it

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.