Libia: “Migranti denunciano abusi” – TerraViva

Ripubblichiamo qui l’articolo di Sabina Zaccaro pubblicato su TerraViva Europa sulle condizioni di vita dei richiedenti asilo in Libia.

ITALIA-LIBIA: MIGRANTI DENUNCIANO NUOVAMENTE GLI ABUSI
Sabina Zaccaro

ROMA (IPS) – “Ci hanno picchiato. Ci hanno picchiato tutti, uomini e donne. Di solito ci picchiano nella stessa stanza dove siamo rinchiusi. Alcune persone, invece, sono state portate fuori. Non me, ma hanno preso altre donne e le hanno portate fuori”. 


Nadifa*, una somala di 19 anni, è stata tra i 91 migranti, richiedenti asilo e rifugiati intervistati da Human Rights Watch (Hrw) nel maggio 2009. E’ stata arrestata a Kufra, nel sud est della Libia per 20 giorni prima di salpare per l’Italia.

Il rapporto, “Respinti di qui e di là: i rimpatri forzati di migranti e richiedenti asilo dell’Italia, gli abusi della Libia da parte dei migranti e richiedenti asilo”, pubblicato lunedì da HRW, racconta una storia straziante sul trattamento dei migranti in Libia attraverso la testimonianza di coloro che sono riusciti a raggiungere l’Italia e Malta.

Il rapporto critica anche la pratica in Italia di intercettare barche cariche di migranti in alto mare e il rinvio in Libia senza il necessario screening.

Secondo l’Alto Commissario dell’ONU per i rifugiati, il numero di migranti irregolari che arrivano in barca in Italia dal Nord Africa, è passato da 19.900 nel 2007 a 36.000 nel 2008, con un incremento percentuale di 89,4. L’Italia ha inoltre ricevuto 31.164 richieste di asilo nel 2008, con un incremento del 122 per cento da 14.053 richiedenti asilo nel 2007.

Un accordo di cooperazione raggiunto tra Italia e Libia a maggio, ha adottato una prassi di traino barche intercettate in acque internazionali verso la Libia, senza verificare se alcune di quelle persone a bordo potrebbero essere profughi, malati o feriti, donne incinte, minori non accompagnati, o vittime di tratta o di altre forme di violenza contro le donne, sostiene HRW.

A prima vista, sembrerebbe un successo della politica. Nella prima settimana dopo l’inizio del programma di interdizione, all’incirca 500 persone in barca sono state sommariamente rinviate in Libia, secondo HRW.

La vicenda ha provocato una notevole riduzione del numero di imbarcazioni che tentavano il viaggio attraverso il Mediterraneo. Nelle seguenti otto settimane, solo 400 persone sono state bloccate e riportate indietro; l’immigrazione irregolare via mare verso la Sicilia e la Sardegna è diminuita del 55 per cento nei primi sei mesi del 2009 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Hrw tuttavia sostiene che l’Italia agisce in violazione dell’obbligo giuridico del paese a non effettuare rimpatri forzati di persone in luoghi dove la loro vita o la loro libertà sono minacciate o in cui si corre il rischio di tortura.

“L’Italia sta rimpatrio persone sapendo che saranno sottoposte ad abusi”, Bill Frelick, direttore della politica per i rifugiati di HRW e autore del rapporto, ha detto a IPS. “Tutti i migranti che abbiamo intervistato, che erano stati detenuti in Libia, ci hanno raccontato del trattamento brutale loro, del sovraffollamento e della mancanza di igiene”.

Molti degli intervistati da HRW hanno detto che le donne vengono regolarmente portate via dal gruppo dei detenuti per essere stuprate.

Madihah*, una donna eritrea di 24 anni, che è stata rinchiusa nelle carceri libiche di Al Fellah e Misrata, ha detto: “Tutte le donne avevano problemi con la polizia che è arrivata di notte e ha scelto le donne da violentare”.

HRW chiede insistentemente al governo italiano di porre immediatamente fine ai blocchi dei barconi di migranti in mare e ai ritorni forzati verso la Libia. Lo stesso governo dovrebbe anche smettere di cooperare con le autorità libiche per fermare i migranti.

Il ministero dell’Interno italiano non ha commentato il rapporto di Human Rights Watch, anche se Frelick ha detto a IPS che è prevista una riunione con funzionari di governo per il 22 settembre.

La relazione sollecita inoltre l’Unione europea – che sta attualmente negoziando un accordo quadro Libia-UE – al fine di garantire che la Libia ponga fine alla detenzione arbitraria dei migranti e che rispetti “gli standard internazionali sulle condizioni di detenzione”.

* Nomi nella relazione sono stati cambiati per proteggere le identità. (END)

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709