L’Egitto antico era negro

L’Egitto antico fu progenitrice di una delle più grandi civiltà europee, quella della Grecia antica. Il paese dei faraoni è entrato nella Storia grazie al suo patrimonio scientifico e culturale senza eguali.

Ovvero ad oggi, la supremazia bianca continua il suo regno. È così che le élites caucasiche hanno sempre tentato, bene o male, di accaparrarsi quest’eredità negra grazie all’intermediazione dei loro media e dei loro musei.

Tuttavia è soltanto dopo il declino dell’impero egizio, molto dopo l’èra di Cheope, che ha lasciato le costruzioni più importanti dell’odierno Egitto, tra cui la piramide di Giza e la Sfinge, che i « faraoni » dalla pelle bianca hanno governato.

Gli storici non-Neri approfittano di questo fatto per far credere al pubblico che i re e le regine del paese delle piramidi sono sempre stati bianchi. Così possiamo anche citare il famoso falso busto di Nefertiti, che si trova in un museo a Berlino. I costumi e le rappresentazioni (tra le altre) ci dimostrano un’affiliazione del paese della sfinge all’Africa nera. E finanche le grandi menti europee come Champollion o Erodoto hanno ammesso la negritudine del popolo egiziano.

« Affinché una verità sia valida ed oggettiva, è necessario che essa sia bianca. » Citazione di Cheikh Anta Diop.

egypte-antique-noir

Questo quadro proviene dalla tomba di Hemaka, donna nera come si evince chiaramente dalla rappresentazione, la cui serva dietro di lei era bianca.


Link al filmato su youtube

Fonte: negronews.fr

 

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.