La Memoria del Bene Domenica 6 Marzo, Roma

Nell’estate del 1994, in Rwanda, nel giro di tre mesi, tra il 6 aprile e il 18 luglio, un milione di cittadini appartenenti all’etnia minoritaria Tutsi veniva sistematicamente trucidato dai criminali estremisti appartenenti alla maggioranza Hutu per la sola colpa di appartenere ad un’etnia diversa.

Un omicidio ogni dieci secondi avveniva sotto gli occhi indifferenti della comunità internazionale. In questo contesto, molti obbedirono agli ordini ed uccisero, violentarono e torturarono, pochi coraggiosi, negando la logica del genocidio e mettendo a rischio la propria vita scelsero di opporsi all’orrore e di salvare altri esseri umani. E’ a loro che il 6 marzo, la Giornata Europea dedicata ai Giusti, vogliamo ispirarci e dimostrare che tutti noi abbiamo una scelta: la scelta di salvare vite umane invece che uccidere, di opporsi alla violenza piuttosto che assistere passivamente.

I mass media non hanno mai reso un’informazione chiara e veritiera all’opinione pubblica internazionale e non hanno mai spiegato che il genocidio era stato scientificamente pianificato dagli estremisti al potere nel paese e di fatto ampiamente prevedibile; hanno invece diffuso la falsa idea che si fosse trattato di uno scoppio irrazionale ed improvviso di violenza, una questione “tra selvaggi africani” per la quale c’era ben poco da fare. Purtroppo, il silenzio, l’abbandono dei sopravvissuti costretti a vivere in situazioni di estrema difficoltà economica e psicologica tra gli assassini dei loro familiari, e persino il negazionismo continuano tuttora.

Il martirio delle vittime di questo genocidio attende ancora un riconoscimento globale.

Il revisionismo storico, la dimenticanza e la cancellazione degli eventi sono il primo passo verso il formarsi dell’incoscienza civile che pone a rischio le generazioni future di ogni società ed é il primo seme per ripetersi degli eventi.

Per questi motivi reputiamo dunque importante ricordare i Giusti e mostrare il loro esempio a cui tutti noi possiamo ispirarci; affinche’ la memoria dei genocidi e la conoscenza dei meccanismi che hanno portato alla loro esplosione non vadano persi.

 

Programma

Domenica 6 marzo 2016, Sala Convegno Città dell’Altra Economia, Largo Dino Frisullo Roma

  • ore 17.00        Introduzione, i Giusti e giusti della Shoah: Anna Foa, Prof.ssa di Storia Moderna Università Sapienza di Roma
  • ore 17.30       I giusti nel genocidio dei Tutsi del Rwanda: Yolande Mukagasana, sopravvissuta al genocidio, scrittrice, attivista per l’assistenza ai sopravvissuti
  • ore 18.00        Promuovere una legge per i Giusti: Milena Santerini, docente Università Cattolica di Milano, Deputata
  • ore 18.30        Dai desaparecidos in argentina ai desaparecidos di oggi nel mediterraneo: Enrico Calamai
  • ore 19.00        Il Giardino dei Giusti a Roma: dott.ssa Cristina Maltese, Presidente del XII Municipio e Ziva Fischer Modiano Rappresentante dell’ADEIWIZO Associazione Donne Ebree d’Italia

Modera Françoise Kankindi, Presidente Bene Rwanda onlus

 

A valle dell’incontro, è previsto un aperitivo conviviale.

Ingresso libero fino a esaurimento posti, per prenotarsi https://www.facebook.com/events/1726675974235054/ o rispondere inviando email a info@benerwanda.org

 

Fonte: comunicato stampa

 

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.