Immigrazione: mercoledi consiglio ministri italiano

Si aggrava l’emergenza immigrazione.

Una riunione del Consiglio dei Ministri è stata convocata per mercoledì prossimo, 30 marzo, a Palazzo Chigi.

All’ordine del giorno, l’accordo con la Tunisia.

Venerdì scorso i ministri Franco Frattini e Roberto Maroni, avevano avuto colloqui a Tunisi con il Primo Ministro Caid Essebsi e con i ministri dell’Interno e degli Esteri sulla gestione dell’immigrazione.

Dagli Stati Uniti, dove e’ in visita ufficiale il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, rispondendo ad una domanda a margine dell’inaugurazione dello spazio espositivo ‘’Industria Gallery’’ a New York, ha detto che, di fronte alle nuove ondate di immigrati, in Italia “ci sono ogni tanto delle posizioni, delle reazioni un po’ sbrigative a livello di opinione pubblica” alle quali non bisogna indulgere.

Piuttosto bisogna ricordare il nostro passato di paese numero uno in Europa per numero di emigranti e “governare” la nuova situazione che si è creata, anche se “non è semplice”.

Per il Ministro Frattini “Quello che dobbiamo coniugare è la solidarietà con il rispetto delle leggi”.

Sul fronte della solidarietà ‘’non siamo secondi a nessuno. In queste ore abbiamo accolto un gran numero di rifugiati veri, come eritrei e somali”, ha aggiunto il ministro precisando che, invece, i tunisini “non sono rifugiati, non scappano da una guerra. E, aggiunge, “dovrebbero avere l’orgoglio di tornare nel loro paese per partecipare ai processi di transizione democratica. Se non lo faranno saranno applicatele previste leggi europee”, ha concluso il Ministro.

Nelle conclusioni del Consiglio europeo, che si e’ svolto venerdì a Bruxelles, c’e’ una presa di posizione sulla questione immigrazione.

L’Unione europea ed i suoi paesi – si afferma ‘’sono pronti a dimostrare la loro concreta solidarietà” agli stati più direttamente investiti dai movimenti migratori e a fornire il necessario sostegno in base all’evoluzione della situazione”.

La Commissione Europea, preparerà un piano per la gestione dei flussi degli immigrati e dei rifugiati prima del Consiglio Europeo di giugno.

Inoltre si lavorerà per raggiungere un accordo sul rafforzamento della capacità operativa di Frontex entro giugno.

Fonte: comunicato stampa esteri.it

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.