Il Mandela che non osano citare

Mentre il mondo ricorda l’eredità di Nelson Mandela in veste di primo presidente nero del Sudafrica e icona anti-apartheid, va ricordato che egli fu anche profondamente scettico nei confronti della potenza americana, dell’invasione dell’Iraq, ed era un sostenitore cruciale dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina.

Qui di seguito potrete leggere sette citazioni del leader che hanno meno probabilità di essere pubblicate anche laddove si sta rendendo onore alla sua vita e si commemora la sua morte nei media mainstream.

Prima dell’invasione USA dell’Iraq, Mandela sferzò duramente le azioni degli Stati Uniti in occasione di un discorso tenuto al Forum Internazionale delle Donne a Johannesburg, quando dichiarò che il movente principale dell’ex presidente George W. Bush era ‘il petrolio’ , aggiungendo che Bush stava minando le Nazioni Unite.

“Se c’è un paese che ha commesso atrocità indicibili nel mondo, questi sono gli Stati Uniti d’America. A loro non importano gli esseri umani”, disse Mandela.

Mandela non si è trattenuto dal fare dichiarazioni incisive contro gli Stati Uniti, e ripetutamente ha parlato contro l’intenzione di quel paese di invadere l’Iraq. Nel momento in cui gli USA preparavano la loro azione di massa nel 2002 , Mandela dichiarò a Newsweek: “Se si guarda a queste cose, si arriva alla conclusione che l’atteggiamento degli Stati Uniti d’America è una minaccia per la pace nel mondo.”

Mandela è stato da lungo tempo sostenitore dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina e ha fatto un discorso ai giornalisti nel 1999 , in cui accettò di essere un mediatore politico tra Israele e i suoi vicini. “Israele dovrebbe ritirarsi da tutte le aree che ha conquistato a danno degli arabi nel 1967, e in particolare Israele dovrebbe ritirarsi completamente dalle Alture del Golan, dal sud del Libano e dalla Cisgiordania”, dichiarò Mandela, come riferì Suzanne Belling dell’Agenzia Jewish Telegraph.

Mandela si incontrò con Fidel Castro nel 1991, tenendo un discorso insieme a lui intitolato “Quanto lontano siamo andati noi schiavi.” Il paese stava commemorando il 38° anniversario della presa della Moncada, e Mandela salutò il ‘posto speciale’ di Cuba nel cuore della gente dell’Africa, la sua rivoluzione, e quanto il paese fosse andato lontano.

“Fin dai suoi primi giorni, la Rivoluzione cubana è stata anche una fonte di ispirazione per tutte le persone che amano la libertà. Ammiriamo i sacrifici del popolo cubano nel mantenere la propria indipendenza e sovranità di fronte alla malvagia campagna imperialista orchestrata per distruggere l’impressionante miglioramento realizzato nel corso della rivoluzione cubana …. Viva la Rivoluzione cubana. Lunga vita al compagno Fidel Castro.”

Mandela invitò a porre fine alle dure sanzioni imposte dall’ONU alla Libia nel 1997, e promise il suo sostegno al leader libico Muammar Gheddafi, che era a sua volta un suo sostenitore di lunga data. “È nostro dovere dare sostegno al leader fratello … soprattutto per quanto riguarda le sanzioni , che non stanno colpendo solo lui , stanno colpendo la massa della gente qualunque … i nostri fratelli e sorelle africani”, dichiarò Mandela.

In occasione della Giornata Internazionale di Solidarietà con il Popolo Palestinese, il 4 dicembre 1997, Mandela assemblò un gruppo “in qualità di sudafricani, di palestinesi nostri ospiti e di umanisti per esprimere la nostra solidarietà nei confronti del popolo della Palestina.” Nel discorso, fece appello affinché le fiamme metaforiche della solidarietà, della giustizia, e della libertà fossero tenute accese.

“L’ONU ha preso una posizione forte contro l’apartheid, e nel corso degli anni, è stato costruito un consenso internazionale, che ha contribuito a porre fine a questo sistema iniquo. Ma sappiamo fin troppo bene che la nostra libertà è incompleta senza la libertà dei palestinesi.”

Fonte: http://rt.com/news/mandela-sharp-quotes-media-860/.

Traduzione per Megachip a cura di Anna Mele.

Si ringrazia Renzo Coletti per la segnalazione

 

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.