HRW accusa l’Italia di violazioni – theafronews.eu

Come pubblicato su theafronews.eu, l’organizzazione indipendente Human Rights Watch accusa l’Italia per i rimpatri forzati dei migranti alcuni dei quali subiscono violenze di ogni genere in Libia da parte della polizia mentre si trovano in carcere.

La stessa organizzazione ha esortato l’Unione europea a “fare pressioni sull’Italia affinché non continui con i rimpatri forzati verso la Libia“.

Segue la traduzione dell’articolo di theafronews.eu

22 settembre 2009 – Human Rights Watch ha criticato la nuova politica italiana d’intercettare le barche dei migranti e rispedirle verso la Libia senza verificare circa il loro bisogno di protezione internazionale.

“L’Italia intercetta le barche dei migranti africani e dei richiedenti asilo, tra questi ci sono anche persone che potrebbero chiedere lo status di rifugiato, per riportarle con la forza in Libia. Lì molte persone sono detenute in condizioni disumane e degradanti”, sostiene Human Rights Watch in un nuovo rapporto.

Le 92 pagine del rapporto, “Pushed Back, Pushed Around: Italy’s Forced Return of Boat Migrants and Asylum Seekers, Libya’s Mistreatment of Migrants and Asylum Seekers”, esamina il trattamento dei migranti, dei richiedenti asilo e dei rifugiati in Libia attraverso gli occhi di coloro che sono riusciti a lasciare quel paese e che ora sono in Italia e a Malta. Viene documentata la pratica italiana di procedere a rinvii forzati delle barche cariche di migranti in alto mare verso la Libia, senza alcune verifica.

“La realtà è che l’Italia sta respingendo queste persone in posti dove vengono torturate”, ha detto Bill Frelick, direttore della politica dei rifugiati di Human Rights Watch e autore del rapporto.

“I migranti che erano stati detenuti in Libia hanno sempre parlato di un trattamento brutale, del sovraffollamento delle celle e delle pessime condizioni igieniche”.

Le motovedette italiane controllano le coste, avvistano le imbarcazioni dei migranti provenienti da acque internazionali senza verificare se alcuni sono profughi, malati o feriti, se ci sono donne incinte, se ci sono minori non accompagnati, o vittime del traffico o di altre forme di violenza contro le donne.

Le forze italiane o trasferiscono gli immigrati su imbarcazioni libiche oppure li accompagnano direttamente in Libia, dove le autorità li bloccano subito. Alcune delle operazioni sono coordinate da Frontex, l’agenzia di controllo delle frontiere esterne dell’Unione europea.

Questa politica è una palese violazione degli obblighi giuridici stabiliti in Italia dalla Costituzione repubblicana del 1948 che obbliga a non commettere rimpatri forzati di persone in luoghi dove la loro vita o la loro libertà potrebbe essere minacciata o in cui si correrebbe un rischio di tortura o di trattamenti inumani e degradanti.

[Il rapporto di HRW] si basa su interviste con 91 migranti, richiedenti asilo e rifugiati in Italia e Malta, condotti in gran parte nel maggio 2009, e un’intervista telefonica con un detenuto migrante in Libia. Human Rights Watch ha visitato la Libia in aprile e si è riunita con i funzionari di governo, ma le autorità libiche non avrebbero concesso un colloquio privato all’organizzazione di migranti. Inoltre, le autorità libiche non hanno concesso a HRW di visitare uno dei centri di detenzione per migranti in Libia, nonostante le ripetute richieste.

“L’Italia si prende gioco dei propri obblighi giuridici respingendo gli immigrati verso la Libia“, ha detto Frelick. “L’Unione europea dovrebbe chiedere che l’Italia adempia ai suoi obblighi fermando questi rimpatri forzati in Libia. Altri Stati membri dell’UE dovrebbero rifiutarsi di partecipare alle operazioni di Frontex che comportano abusi nei confronti dei migranti”.

“Daniel”, un ventiseienne eritreo, intervistato in Sicilia ha riferito a Human Rights Watch ciò che è accaduto dopo che le autorità maltesi hanno fermato la barca in cui si trovava e l’ha fatta rimorchiare da una nave libica, facendola tornare nel paese del nord Africa: “Eravamo davvero stanchi e disidratati quando siamo arrivati in Libia. Ho pensato, ‘Anche se mi picchiassero, non sentirei niente’. Quando siamo arrivati, non c’erano medici, non c’era nessuno per aiutarci, solo la polizia militare. Hanno cominciato a tirarci pugni. Hanno detto, ‘Pensi di voler andare in Italia’. Ci prendevano in giro. Eravamo assetati e ci colpivano con bastoni e calci. Per circa un’ora hanno picchiato tutti quelli che erano sulla barca”.

Sono stati portati al carcere Misrata in un camion strapieno senza aria e sono stati picchiati nuovamente quando sono arrivati: “Siamo stati trattati male a Misrata. Eravamo eritrei, etiopi, sudanesi, somali e un paio. Le camere non sono pulite. Avevamo solo mezz’ora al giorno per prendere aria all’esterno e l’unica ragione perché ci lasciassero tutti fuori era per contarci. Ci eravamo seduti al sole. Chiunque avrebbe parlato sarebbe stato colpito. Sono stato picchiato con un tubo di plastica nera. ”

L’Alto commissario ONU per i rifugiati ha ora accesso a Misrata, e le organizzazioni libiche prestano servizi umanitari. Ma non vi è alcun accordo formale, e quindi nessuna garanzia di accesso. Inoltre, la Libia non ha alcun diritto di asilo o procedure. Le autorità non fanno alcuna distinzione tra rifugiati, richiedenti asilo, e di altri migranti.

“Non ci sono rifugiati in Libia,” Brigadier generale Mohamed Bashir Al Shabbani, direttore dell’Ufficio per l’Immigrazione presso Comitato Generale del Popolo per la Sicurezza Pubblica, ha riferito a Human Rights Watch. “Queste sono persone che entrano nel paese illegalmente e non possono essere descritte come rifugiati”. Ha  detto che chiunque entri nel paese senza documenti formali e il permesso è stato arrestato.

Nonostante le pratiche della Libia, l’Unione europea, come l’Italia, vede sempre più la Libia come un partner prezioso nel controllo delle migrazioni. La Commissione europea sta attualmente negoziando un accordo di riammissione con la Libia, che creerebbe un meccanismo formale di ritorno, nonché un accordo quadro generale per rafforzare i legami. La Commissione europea Vice-Presidente, Jacques Barrot, ha espresso il desiderio di visitare Tripoli per i colloqui sulla cooperazione rafforzata in materia di asilo e immigrazione.

“Rinviato, a bacchetta”, esorta il governo libico per migliorare le deplorevoli condizioni di detenzione in Libia e di stabilire procedure di asilo, che siano conformi agli standard internazionale dei rifugiati. Si invita inoltre il governo italiano, l’Unione europea, e Frontex per garantire l’accesso di asilo, anche per gli interdetti in alto mare, e ad astenersi da restituire non-libici verso la Libia, fino alla sua trattamento dei migranti, richiedenti asilo e rifugiati soddisfa pienamente gli standard internazionali.

“La clausola sui diritti umani che dovrebbe essere contenuta nell’imminente accordo quadro nei rapporti UE-Libia dovrebbe includere un riferimento esplicito ai diritti dei richiedenti asilo e migranti come un prerequisito per qualsiasi forma di cooperazione in materia di migrazione ai sistemi di controllo”, ha dichiarato Frelick.

 

Fonte: theafronews.eu

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.