Governo britannico minaccia irregolari con sms

Polemiche con il Governo britannico che minaccia gli irregolari con un sms.
Nell’ambito di una campagna contro l’immigrazione illegale il Governo invia sms “offensivi” agli irregolari invitandoli a lasciare il Paese.

Minacce con sms agli immigrati irregolari invitando a lasciare il Paese.

È l’ennesima prova di forza del Governo britannico che ha costretto il Ministero dell’interno a fare “mea culpa” dopo che, nell’ambito di una campagna per il contrasto all’immigrazione illegale, sono stati inviati erroneamente alcuni sms con un messaggio che notifica lo status irregolare e avverte della necessità imminente di lasciare il Paese.

La frase utilizzata è stata considerata particolarmente offensiva dalle organizzazioni umanitarie, che hanno denunciato il fatto sottolineando che il testo è stato inviato ad oltre 100 persone la cui situazione è assolutamente conforme alla legge.

Il caso è esploso dopo l’ira di un attivista e di un avvocato, Suresh Grover e Bobby Chan, che hanno raccontato al quotidiano The Independent lo “shock” e l’“orrore” nel ricevere quel messaggio sul telefonino. “Sono arrivato qui nel 1966 con i miei genitori, sono nato nell’Africa orientale e ho un passaporto britannico”, ha detto Grover. Il testo “associa gli immigrati al concetto di criminalità e crea un’atmosfera di paura», ha aggiunto Chan.

Da parte sua, tuttavia, il Ministero interessato sostiene che sono solo 14 gli sms errati sui 58.800 inviati e insiste nella necessità di “far rispettare le regole”, mentre il portavoce del primo ministro David Cameron, pur ammettendo che la frase originaria utilizzata è stata successivamente modificata, ha fatto sapere che “il Primo ministro è d’accordo con il principio alla base della campagna”.
(Red.)

Fonte: immigrazioneoggi.it

 

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.