Fondazione Banco di Sicilia

La Fondazione Banco di Sicilia nasce il 21 dicembre 1991 quale ente conferente della società conferitaria Banco di Sicilia S.p.A. in base alla normativa dettata dalla Legge Amato-Ciampi del 1990, che avvia il processo di privatizzazione delle banche pubbliche (Istituti di Credito di Diritto pubblico e Casse di Risparmio).

Al momento dello scorporo, ogni soggetto bancario creò due nuove realtà, l’ente conferente (il vecchio Istituto bancario di diritto pubblico, ora Fondazione bancaria) e la società conferitaria (il nuovo Istituto bancario, ora Società per Azioni): in particolare il vecchio Banco genera la Fondazione Banco di Sicilia e il Banco di Sicilia SpA.

Successivamente, la legge Ciampi-Pinza del dicembre 1998, trasforma le Fondazioni bancarie in Enti di diritto privato. Alla Fondazione vennero assegnati in dotazione tutti i beni d’arte e di cultura del vecchio Banco, ivi compresi quelli contenuti nella Villa Zito, anch’essa di proprietà del Banco di Sicilia, che fino ad allora, a partire dal 1983, era stata la sede della Fondazione Mormino.

Quest’ultima Fondazione, ideata dal direttore generale del Banco di Sicilia Ignazio Mormino nel 1923, non conseguì mai nel corso degli anni una vera e propria veste giuridica, pur svolgendo un’intensa attività nel campo degli studi economici, della promozione turistica e culturale, nell’avvio e nel sostegno di imponenti campagne di scavi archeologici.

Particolari benemerenze la Fondazione acquistò con la creazione dell’ASTIS, Associazione per lo Sviluppo del Turismo in Sicilia, avvenuta nel 1926.

—-

The main objective of Fondazione Banco di Sicilia, (established in December 1991), is to favour the social, cultural, and economic growth of Sicily. Through multiyear plans and special funding, it develops projects designed to provide useful, punctual and concrete solutions to the community. Its statutory activities concern the fields of scientific research, education, volunteer work, art, and artistic and cultural heritage.

The Fondazione Banco di Sicilia is a resource for the social, cultural and financial development of Sicily. With the cooperation of other institutions of the civil society, it is aimed at favouring the social, cultural, and economic growth of Sicily. Through multiyear plans and special funding, it develops projects designed to provide useful, punctual, concrete solutions to the community.

The status of foundations is clearly defined by Ciampi Act of 1998/99 and in two sentences of the Constitutional Court (No. 300 and 301 of 2003) which make up the entire legislation on the matter. The Foundations are independently managed by the non-profitable public benefit organizations, who have their own statutes which operate in sectors of public interest. Since they operate in sectors of public interest, they are subject to the oversight of the Ministry for Finance and Economic Affairs which makes sure that the officers of foundations act in compliance with the law and the statutes (with a review of legality and not merits). Fondazione Banco di Sicilia has its own statute that took into effect on December 17, 2001 and has been progressively fine-tuned to the current version which has now been in force since July 29, 2005.
The statute governs, inter alia, the purposes and areas of action of the Foundation, the programming activities, the use of assets, the transparency and the composition of the governing bodies.

Regulations and Code of ethics

To regulate its operations,  the Foundation has also endowed a series of regulations.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.