Dirty wars: il mondo è un campo di battaglia

Dirty Wars [Guerre Sporche] è un film documentario del giornalista Jeremy Scahill, autore del bestseller internazionale Blackwater, che rivela le guerre segrete dell’America, dall’Afghanistan al Yemen, alla Somalia, ecc.

Dotato di un forte stile cinematografico, il film annebbia i confini del documentario e della finzione narrativa. In parte film d’azione in parte storia d’investigatori, Dirty Wars è un viaggio avvincente in una delle storie più importanti e sottovalutata del nostro tempo.

Inizia come un reportage su un rai notturno statunitense che finisce terribilmente male in un angolo sperduto dell’Afghanistan per poi trasformarsi rapidamente in un’indagine globale sul potente e segreto Joint Special Operations Command (JSOC).

Mentre Scahill scava sempre più a fondo nelle attività del JSOC, viene tirato in un mondo di operazioni segrete sconosciute al pubblico e mese in atto in tutto il mondo da uomini che non esistono sulla carta e che non appariranno mai davanti al Congresso. In gergo militare, le squadre JSOC significano “trovare, sistemare, e finire” i loro obiettivi selezioni attraverso una procedura segreta. Nessun obiettivo è off limits per la “kill list,” compresi i cittadini statunitensi.

Trascinato dentro le storie e le vite delle persone che incontra lungo il percorso, Scahill è costretto a confrontarsi tanto con le conseguenze dolorose di una guerra che sta andando fuori controllo quanto col suo ruolo di giornalista.

Troviamo due gruppi di personaggi paralleli.

Gli agenti CIA, gli effettivi delle Forze Speciali, i generali militari, e i signori della guerra sostenuti dagli Usa che popolano il lato oscuro delle guerre americane arrivano di fronte la telecamera e vengono registrati, alcuni per la prima volta.

Inoltre vediamo e sentiamo le testimonianze dei raid notturni e degli attacchi dei droni, compresa quella della famiglia dei primi cittadini americani segnati a morte e presi di mira dal loro governo.

Dirty Wars porta gli spettatori in posti molto remoti del pianeta per vedere le guerre combattute in loro nome e offre uno sguardo dietro le quinte su un’indagine dai risvolti importanti.

Veniamo lasciati con domande inquietanti sulla libertà e la democrazia, la guerra e la giustizia.

 

http://dirtywars.org/film

 

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

One thought on “Dirty wars: il mondo è un campo di battaglia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.