Congo: manifestazione a Bruxelles

Si è svolta ieri a Bruxelles una manifestazione per chiedere di risolvere la situazione in Congo. L’iniziativa è stata organizzata dalla Comunità congolese patriottica del Belgio.

Tra le richieste dei manifestanti, anche l’invio di un contingente di 2000 uomini dell’esercito dell’Unione Europea, oltre all’arresto e all’accusa del presidente congolese Kabila per alto tradimento e violazione della Costituzione per aver fatto entrare l’esercito Ruandese nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo.

Nell’invito giunto in redazione si spiega che questa manifestazione servirà a denunciare la farsa del “presidente congolese Joseph Kabila per preparare l’annessione della parte est della Repubblica Democratica del Congo (RDC) (le province del Nord Kivu e del Sud Kivu) alla Repubblica del Rwanda, senza aver consultato il potere legislativo, esecutivo e giudiziario e facendo entrare le truppe ruandesi nella RDC per cercare e uccidere i rifuggiati Hutu ruandesi esiliati dal 1994 sotto la protezione dell’Onu”.

“Il presidente – è scritto nell’invito alla stampa internazionale – non dice quando i militari ruandesi lasceranno la RDC per rientrare nel loro paese”.

Lo stesso comunicato conclude con le rivendicazioni “dei congolesi”.

“I congolesi esigono:

  1. le dimissioni del presidente Joseph Kabila per alto tradimento e violazione dell’articolo 74 della Costituzione.
  2. il suo arresto di fronte la corte penale internazionale (CPI) per crimini contro l’umanità per aver permesso a Kagame di venire e uccidere gli Hutu nel territorio congolese.
  3. l’estradizione del criminale Nkunda alla CPI
  4. la denuncia del complotto della balcanizzazione dell’est del Congo a vantaggio del Rwanda
  5. il ritiro immediato dai territori congolesi dell’esercito ruandese”

Sul sito indymedia-letzebuerg.net si riportano le parole di una partecipante a proposito della richiesta dei manifestanti di inviare un corpo di 2000 uomini dell’esercito europeo. “Non capisco perché – dice la manifestante – si tergiversi fino a questo punto quando tutto ciò che chiedono è 2000 uomini. Tale numero sarebbe ampiamente sufficiente per riportare l’ordine a Goma. Siamo molto delusi dall’atteggiamento di molti governi europei che restano così indifferenti su questo problema che è evidentemente un’emergenza umanitaria”.

“Non fare nulla mentre si sarebbe potuto constatare l’ampiezza della catastrofe è semplicemente scandaloso”, dice Annika Van Woudenberg di Human Rights Watch.

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.