Brutti, sporchi e cattivi-presentazione Roma 10-nov

Presentazione del libro di Giulio Di Luzio
BRUTTI, SPORCHI E CATTIVI
L’inganno mediatico sull’immigrazione

Roma, giovedì 10 novembre, ore 18.00

la Feltrinelli Libri e Musica, Galleria Alberto Sordi, Piazza Colonna 31/35

L’autore ne parla con il sociologo Franco Ferrarotti, con Franco Pittau, coordinatore Dossier Statistico Immigrazione Caritas/Migrantes,
e con i giornalisti Ejaz Ahmad e Riccardo Staglianò

Il libro
Giulio Di Luzio
BRUTTI, SPORCHI E CATTIVI. L’inganno mediatico sull’immigrazione
Con un’intervista a Laura Boldrini
Postfazione di Oliviero Forti e Emilio Fabio Torsello

Collana Saggi, Formato 12 x 20, Pagine 184, Prezzo 10,00

Uno studio sul ruolo dei media nella costruzione della figura, generalmente negativa, dell’immigrato, sempre e solo chiamato “clandestino”, secondo una vulgata giornalistica che non gli riconosce altro status: migrante, immigrato, irregolare, richiedente asilo, profugo politico, rifugiato.

Ben diversa è l’immagine che risulta negli ambienti scientifici, dalla ricerca sul campo e dai rapporti diretti con le comunità di stranieri in Italia.

Ma la realtà conta poco quando la posta in gioco non è la credibilità scientifica ma la preziosa merce del consenso.

Di Luzio si lancia in un coraggioso lavoro di ripristino della verità storica e di informazione, riportando alla memoria recenti avvenimenti di cronaca che hanno rappresentato pagine poco dignitose per l’informazione del nostro Paese.

 

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

One thought on “Brutti, sporchi e cattivi-presentazione Roma 10-nov

  1. la responsabilità dei media è stata grande nella costruzione generalmente negativa della figura dello straniero, considerato sempre come un “diverso” da emarginare

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.