Posts Tagged ‘ue’

Rome MED – Mediterranean Dialogues

22.novembre.2018 · Posted in extrafrica

Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, apre oggi – alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – la quarta edizione di “Rome MED – Mediterranean Dialogues”. Qui il video in diretta La Conferenza, promossa dal MAECI e dall’ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale), si è ormai ...

Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, apre oggi – alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – la quarta edizione di “Rome MED – Mediterranean Dialogues”.

Qui il video in diretta

La Conferenza, promossa dal MAECI e dall’ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale), si è ormai affermata come il principale foro globale di riflessione e dialogo sul Mediterraneo allargato. Nella classifica “Global Go to Think Tank Index” 2017 dell’Università di Pennsylvania, la Conferenza MED Dialogues di

(altro…)

Ramaphosa parla al Parlamento Europeo

14.novembre.2018 · Posted in extrafrica

Il Presidente Antonio Tajani riceve al Parlamento europeo il Presidente del Sudafrica, Cyril Ramaphosa Strasburgo 14 novembre 2018 “L’Africa è una delle nostre priorità: intendiamo rafforzare le relazioni politiche, sociali ed economiche fra i nostri due continenti”, ha dichiarato il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, dopo l’incontro con il Presidente del Sudafrica, Cyril Ramaphosa”. ...

Il Presidente Antonio Tajani riceve al Parlamento europeo il Presidente del Sudafrica, Cyril Ramaphosa

Strasburgo 14 novembre 2018

“L’Africa è una delle nostre priorità: intendiamo rafforzare le relazioni politiche, sociali ed economiche fra i nostri due continenti”, ha dichiarato il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, dopo l’incontro con il Presidente del Sudafrica, Cyril Ramaphosa”.

(altro…)

Alfano: Ecco l’agenda dell’Italia per l’Africa (la Repubblica)

16.luglio.2017 · Posted in extrafrica

Caro direttore, l’editoriale di Eugenio Scalfari, di domenica scorsa, si conclude con la saggia esortazione ad aiutare l’Africa, anche in vista della crescita che quel grande Continente ci restituirà. L’Africa è fonte di tante sfide globali, politiche, ...

Caro direttore,

l’editoriale di Eugenio Scalfari, di domenica scorsa, si conclude con la saggia esortazione ad aiutare l’Africa, anche in vista della crescita che quel grande Continente ci restituirà.

L’Africa è fonte di tante sfide globali, politiche, (altro…)

Giro: «Che fare con i migranti» (Il Foglio)

15.luglio.2017 · Posted in punto di vista

Per ottenere qualcosa in Europa serve fermezza ma anche tanta calma. Evitando il vittimismo Al direttore – Si dicono tante cose sulle migrazioni, molte impossibili, confuse, velleitarie. Partiamo da ciò che è certo: ogni decisione ...

Per ottenere qualcosa in Europa serve fermezza ma anche tanta calma. Evitando il vittimismo

Al direttore – Si dicono tante cose sulle migrazioni, molte impossibili, confuse, velleitarie. Partiamo da ciò che è certo: ogni decisione (altro…)

Gentiloni: “Brennero, no a decisioni unilaterali dell’Austria. Serve cooperazione nella crisi dei profughi”

27.aprile.2016 · Posted in politica

“Siamo ben lungi da un’invasione” (Die Presse) Il Ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka ha già annunciato per la fine di maggio controlli ai confini con il Brennero. Come reagirà l’Italia ? Qui non si tratta ...

“Siamo ben lungi da un’invasione” (Die Presse)
Il Ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka ha già annunciato per la fine di maggio controlli ai confini con il Brennero. Come reagirà l’Italia ?

Qui non si tratta (altro…)

Quel naufragio abominevole di cui l’UE non parla

27.aprile.2016 · Posted in punto di vista

Dopo giorni di silenzio, prima l’ammissione dell’Unhcr, che parla di probabili 500 morti in mare al largo della Libia, poi uno dopo l’altro i racconti angoscianti dei 41 superstiti portati in salvo da un mercantile a Kalamata, in Grecia. “I trafficanti volevano trasferirci su una barca colma di persone che è affondata, ho perso davanti ...

Dopo giorni di silenzio, prima l’ammissione dell’Unhcr, che parla di probabili 500 morti in mare al largo della Libia, poi uno dopo l’altro i racconti angoscianti dei 41 superstiti portati in salvo da un mercantile a Kalamata, in Grecia.

“I trafficanti volevano trasferirci su una barca colma di persone che è affondata, ho perso davanti ai miei occhi moglie e figlia di 2 mesi”, racconta fra le lacrime un giovane etiope.

Ci sono almeno 500 persone (altro…)

Dall’Italia all’UE, la poesia come baluardo contro il terrore

23.marzo.2016 · Posted in varie

Dall’Italia all’Unione europea, la poesia come baluardo civile contro il terroreIl poeta e difensore dei diritti umani Roberto Malini fa dono a tutti i parlamentari europei della sua raccolta di versi “Ba Ta Clan”, che condanna il terrore e chiede ai cittadini dell’Ue di unirsi per salvare gli ideali di convivenza pacifica. Il Parlamento europeo plaude ...

Dall’Italia all’Unione europea, la poesia come baluardo civile contro il terrore

Il poeta e difensore dei diritti umani Roberto Malini fa dono a tutti i parlamentari europei della sua raccolta di versi “Ba Ta Clan”, che condanna il terrore e chiede ai cittadini dell’Ue di unirsi per salvare gli ideali di convivenza pacifica. Il Parlamento europeo plaude all’iniziativa: “E’ un simbolo di pace, libertà e giustizia sociale”.

Genova, 23 marzo 2016

La società civile che si impegna per una cultura di pace e tolleranza è ora vicina alla gente di Bruxelles, alle sue istituzioni e a quelle dell’Unione europea. Il terrore annienta ogni
(altro…)

Impronte digitali prese con la forza, nuova norma

18.marzo.2016 · Posted in extrafrica

Alfano prepara un disegno di legge sugli hotspot che comprenderà anche il “rilevamento forzoso” per le identificazioni. Informati i sindacati di Polizia, ecco la circolare ...

Alfano prepara un disegno di legge sugli hotspot che comprenderà anche il “rilevamento forzoso” per le identificazioni. Informati i sindacati di Polizia, ecco la circolare

(altro…)

Gentiloni: “I Paesi del no sono poco lungimiranti” (La Stampa)

14.giugno.2015 · Posted in extrafrica

Gentiloni: “I Paesi del no sono poco lungimiranti” Il ministro: i flussi migratori cambiano, sbagliato opporsi al piano Juncker di Alberto Simoni   «Tutta questa resistenza al piano Immigrazione della Commissione europea mi sembra poco lungimirante». Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni è sempre stato prudente, evitando trionfalismi anche quando – a metà maggio – ...

Gentiloni: “I Paesi del no sono poco lungimiranti”

Il ministro: i flussi migratori cambiano, sbagliato opporsi al piano Juncker

di Alberto Simoni

 
«Tutta questa resistenza al piano Immigrazione della Commissione europea mi sembra poco lungimirante». Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni è sempre stato prudente, evitando trionfalismi anche quando – a metà maggio – l’Italia avrebbe potuto rivendicare come un successo l’aver trasformato il dossier immigrazione in qualcosa di europeo e condiviso. I numeri in fondo, 24 mila «ricollocamenti» in Europa in due anni a fronte di 57 mila ingressi in Italia nel solo 2015, invitano al realismo: non sarà certo il piano della Commissione a risolvere come con un colpo di «bacchetta magica» ogni guaio. Ma avverte Gentiloni, «un rinvio sarebbe soprattutto un segnale di impotenza dell’Unione Europea».

(altro…)

I documenti UE contro la Libia

27.maggio.2015 · Posted in attualità

Questa notte Wikileaks ha reso pubblici due documenti riservati dell’Unione Europea, nei quali si delinea l’intervento militare contro i barconi che trasportano gli immigrati dalla Libia verso l’Italia. Il più significativo dei due documenti è stato scritto dai responsabili militari e della Difesa degli Stati membri dell’UE. Il piano è stato formalmente approvato il 18 ...

Questa notte Wikileaks ha reso pubblici due documenti riservati dell’Unione Europea, nei quali si delinea l’intervento militare contro i barconi che trasportano gli immigrati dalla Libia verso l’Italia. Il più significativo dei due documenti è stato scritto dai responsabili militari e della Difesa degli Stati membri dell’UE. Il piano è stato formalmente approvato il 18 maggio scorso dai rappresentanti di tutti i 28 paesi aderenti.
È importante sottolineare come uno dei documenti riconosca che “l’obiettivo politico dell’intervento militare non è chiaramente definito” e raccomanda che la Commissione Europea realizzi ulteriori indicazioni.

(altro…)