Posts Tagged ‘terrorismo’

Saluti e baci dal Cairo – arte.tv

28.ottobre.2018 · Posted in politica

Il documentario “Our Man In Cairo”, realizzato grazie a video filmati clandestinamente nelle prigioni e alle testimonianze delle vittime, è un ritratto schiacciante del regime egiziano. Per guardarlo con i sottotitoli in italiano, clicca qui: https://tinyurl.com/ychtvs42 Il presidente Abd al-Fattah al-Sisi, arrivato al potere con un colpo di stato nel 2013, è stato “confermato” alle ...

Il documentario “Our Man In Cairo”, realizzato grazie a video filmati clandestinamente nelle prigioni e alle testimonianze delle vittime, è un ritratto schiacciante del regime egiziano.

Per guardarlo con i sottotitoli in italiano, clicca qui: https://tinyurl.com/ychtvs42

Il presidente Abd al-Fattah al-Sisi, arrivato al potere con un colpo di stato nel 2013, è stato “confermato” alle urne nell’aprile 2018 con il 97% dei voti.

Da cinque anni l’Egitto è di nuovo teatro di arresti arbitrari, atti di tortura e misteriose scomparse. Non manca un approfondimento sulla morte del giovane ricercatore italiano Giulio Regeni.

Fonte: arte.tv

 

 

Isis, 10 motivi per cui non c’entra con l’Islam

09.aprile.2016 · Posted in punto di vista

Un giovane reporter marocchino ci spiega perché secondo lui è ingiusto collegare tutta la comunità musulmana ad ogni attentato del Daesh. ...

Un giovane reporter marocchino ci spiega perché secondo lui è ingiusto collegare tutta la comunità musulmana ad ogni attentato del Daesh.
(altro…)

Dall’Italia all’UE, la poesia come baluardo contro il terrore

23.marzo.2016 · Posted in varie

Dall’Italia all’Unione europea, la poesia come baluardo civile contro il terroreIl poeta e difensore dei diritti umani Roberto Malini fa dono a tutti i parlamentari europei della sua raccolta di versi “Ba Ta Clan”, che condanna il terrore e chiede ai cittadini dell’Ue di unirsi per salvare gli ideali di convivenza pacifica. Il Parlamento europeo plaude ...

Dall’Italia all’Unione europea, la poesia come baluardo civile contro il terrore

Il poeta e difensore dei diritti umani Roberto Malini fa dono a tutti i parlamentari europei della sua raccolta di versi “Ba Ta Clan”, che condanna il terrore e chiede ai cittadini dell’Ue di unirsi per salvare gli ideali di convivenza pacifica. Il Parlamento europeo plaude all’iniziativa: “E’ un simbolo di pace, libertà e giustizia sociale”.

Genova, 23 marzo 2016

La società civile che si impegna per una cultura di pace e tolleranza è ora vicina alla gente di Bruxelles, alle sue istituzioni e a quelle dell’Unione europea. Il terrore annienta ogni
(altro…)

SOCCORRERE, ACCOGLIERE, ASSISTERE TUTTI I MIGRANTI

29.febbraio.2016 · Posted in varie

Ogni essere umano è un essere umano. Ed in quanto tale ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà. Tutti gli esseri umani vivono nell’unico mondo vivente che è casa comune dell’umanità intera. E tutti gli esseri umani sono eguali in ...

Ogni essere umano è un essere umano.
Ed in quanto tale ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà.

Tutti gli esseri umani vivono nell’unico mondo vivente che è casa comune dell’umanità intera.

E tutti gli esseri umani sono eguali in (altro…)

Burkinabé manifesta in Calabria contro i pregiudizi

22.novembre.2015 · Posted in extrafrica

Riceviamo dalla Rete dei Comuni Solidali e pubblichiamo. LA LEZIONE DI ISMAEL Questa mattina in  Piazza Vittorio Veneto Ismael, ospite del Burkina Faso dello Sprar di Gioiosa Ionica gestito dalla Rete dei Comuni Solidali, ha deciso di manifestare a sostegno di coloro che credono nell’Islam ma si dissociano dai terroristi. ...

Riceviamo dalla Rete dei Comuni Solidali e pubblichiamo.

LA LEZIONE DI ISMAEL

Questa mattina in  Piazza Vittorio Veneto Ismael, ospite del Burkina Faso dello Sprar di Gioiosa Ionica gestito dalla Rete dei Comuni Solidali, ha deciso di manifestare a sostegno di coloro che credono nell’Islam ma si dissociano dai terroristi.

ismael piazza

(altro…)

Dichiarazione coalizione anti DAESH

01.ottobre.2015 · Posted in politica

Nel corso del primo anno dalla sua costituzione, la Coalizione Globale per il Contrasto a Daesh ha compiuto numerosi progressi nella campagna per sconfiggere e debellare questa piaga terroristica senza precedenti. Come abbiamo già avuto modo di affermare, sarà una campagna che richiederà un lungo impegno. Un anno fa la situazione era tragica: ISIS, anche ...

Nel corso del primo anno dalla sua costituzione, la Coalizione Globale per il Contrasto a Daesh ha compiuto numerosi progressi nella campagna per sconfiggere e debellare questa piaga terroristica senza precedenti. Come abbiamo già avuto modo di affermare, sarà una campagna che richiederà un lungo impegno. Un anno fa la situazione era tragica: ISIS, anche conosciuto con il suo acronimo arabo Daesh, stava avanzando in Iraq e minacciando Erbil, Kirkuk e Baghdad. Inoltre, parevano imminenti ulteriori attacchi contro la minoranza Yazidi. Da allora, nonostante non siano mancate inevitabili battute d’arresto, la Coalizione ha perseguito una strategia onnicomprensiva, dimostrando di saper arginare la capacità di movimento di Daesh in Iraq e Siria. La Coalizione ha effettuato progressi anche nel ridurre il reclutamento tra le fila di ISIS, contrastare la sua narrativa e ridurre le sue fonti di finanziamento.

L’impegno e il sacrificio della forze di sicurezza irachene, nonché dei peshmerga curdi e delle forze di mobilitazione popolare, e dell’opposizione siriana, si sono dimostrati cruciali. In Iraq, (altro…)

Gentiloni «Gli scafisti finanziano il terrorismo islamico»

23.aprile.2015 · Posted in attualità

Il senso dell’urgenza. «Non possiamo aspettare. Serve un intervento d’emergenza, una risposta immediata. Altrimenti – dice il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in una pausa degli incontri coi capi-diplomazia Ue a Lussemburgo – finisce che l’Italia non potrà più identificare i migranti». Di più: gli scafisti «finanziano il terrorismo». E vanno colpiti. L’Italia «esige» il ...

Il senso dell’urgenza. «Non possiamo aspettare. Serve un intervento d’emergenza, una risposta immediata. Altrimenti – dice il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in una pausa degli incontri coi capi-diplomazia Ue a Lussemburgo – finisce che l’Italia non potrà più identificare i migranti». Di più: gli scafisti «finanziano il terrorismo». E vanno colpiti. L’Italia «esige» il sostegno dei partner Ue «come parte di un sostegno politico internazionale ad azioni mirate contro gli schiavisti del XXI secolo che operano in particolare nel Nord-Ovest della Libia. Per ottenerlo stiamo lavorando sia in sede europea, sia a New York.»

Che cosa significa in concreto?

(altro…)

Gentiloni: «Per battere il terrorismo pacificare subito la Libia» (Il Messaggero)

22.marzo.2015 · Posted in politica

Da ministro degli Esteri, direbbe che abbiamo le prime vittime italiane dell’Isis? I jihadisti di Ansar al Sharia attivi in Tunisia si sono raccordati col Califfato? «Sono vittime innocenti di terroristi criminali. Poi è molto difficile – risponde il ministro Paolo Gentiloni – distinguere rigidamente tra Daesh (Isis, ndr) e terrorismo più tradizionale di matrice ...

Da ministro degli Esteri, direbbe che abbiamo le prime vittime italiane dell’Isis? I jihadisti di Ansar al Sharia attivi in Tunisia si sono raccordati col Califfato?

«Sono vittime innocenti di terroristi criminali. Poi è molto difficile – risponde il ministro Paolo Gentiloni – distinguere rigidamente tra Daesh (Isis, ndr) e terrorismo più tradizionale di matrice jihadista. Certamente siamo di fronte a un arco della crisi e della minaccia terroristica che attraversa molti Paesi del Mediterraneo e del Golfo. E, certo, c’è in Tunisia una presenza storica di Ansar al Sharia. La sua messa fuori legge ha indotto un elevato numero di terroristi a lasciare il Paese e a disperdersi come foreign fighters in diversi altri Paesi. E questo ha prodotto incroci con il Daesh».

Ma qual è la rivendicazione vera dell’attacco?

«La situazione disordinata (altro…)

Gli islamici di Cinisello B. dicono basta

24.gennaio.2015 · Posted in extrafrica

Nella giornata di ieri (20/1/2015) alcuni mezzi di informazione ed esponenti politici hanno diffuso la notizia secondo cui l’Associazione Comunità Islamica di Cinisello Balsamo sarebbe coinvolta in indagini, rapporti e dossier per sue asserite condotte illecite di fiancheggiamento dell’estremismo e del terrorismo.  A questo proposito si comunica che, il presidente dell’Associazione Muin Qaraqe, ha dato ...

Nella giornata di ieri (20/1/2015) alcuni mezzi di informazione ed esponenti politici hanno diffuso la notizia secondo cui l’Associazione Comunità Islamica di Cinisello Balsamo sarebbe coinvolta in indagini, rapporti e dossier per sue asserite condotte illecite di fiancheggiamento dell’estremismo e del terrorismo. 

A questo proposito si comunica che, il presidente dell’Associazione Muin Qaraqe, ha dato mandato all’Avv. Luca Bauccio di agire nei confronti di tutti coloro i quali hanno diffuso tale calunnia. L’Associazione Comunità Islamica di Cinisello Balsamo persegue finalità lecite, i suoi dirigenti sono incensurati e mai hanno adottato condotte meno che lecite. Non sarà consentito a nessuno speculare sui tragici fatti di queste settimane per squallide cacce alle streghe e gogne mediatiche. 

(altro…)

Collegare terrorismo a immigrazione è un regalo ai terroristi

22.gennaio.2015 · Posted in varie

Nel corso dell’incontro di questa mattina a Londra, il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni ha ripetuto quanto detto in diverse occasioni pubbliche nelle scorse settimane. Stabilire generiche relazioni tra terrorismo e immigrazione, oltre ad essere privo di senso, significherebbe fare un regalo ai terroristi. Di fronte ai rischi di infiltrazioni ...

Nel corso dell’incontro di questa mattina a Londra, il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni ha ripetuto quanto detto in diverse occasioni pubbliche nelle scorse settimane. Stabilire generiche relazioni tra terrorismo e immigrazione, oltre ad essere privo di senso, significherebbe fare un regalo ai terroristi. Di fronte ai rischi di infiltrazioni comunque vigilano le nostre forze di sicurezza e l’intelligence.

Fonte: esteri.it