Posts Tagged ‘shell’

Vel-Eni: corruzione e petrolio

04.Febbraio.2019 · Posted in attualità

di Marina Forti (*) Una mattina d’autunno, davanti ai giudici della settima sezione penale del tribunale di Milano, si presenta un tenente colonnello della guardia di finanza. Una settimana dopo c’è un investigatore della polizia di Londra. Poi un’agente ...

di Marina Forti (*)

Una mattina d’autunno, davanti ai giudici della settima sezione penale del tribunale di Milano, si presenta un tenente colonnello della guardia di finanza. Una settimana dopo c’è un investigatore della polizia di Londra. Poi un’agente (altro…)

Ricordare Ken Saro-Wiwa

09.Novembre.2015 · Posted in attualità

La Nigeria sono linee di frontiera tracciate dal colonialismo inglese che contengono etnie, religioni, idiomi e culture molto differenti tra loro. Le etnie sono 250, tre le dominanti: gli Ibo a est, gli Yorubà a ovest e gli Hausa a nord. Per questo Ken Saro-Wiwa, un nigeriano Ogoni, che partecipò alla guerra del Biafra, parlò ...

La Nigeria sono linee di frontiera tracciate dal colonialismo inglese che contengono etnie, religioni, idiomi e culture molto differenti tra loro. Le etnie sono 250, tre le dominanti: gli Ibo a est, gli Yorubà a ovest e gli Hausa a nord.

Per questo Ken Saro-Wiwa, un nigeriano Ogoni, che partecipò alla guerra del Biafra, parlò di necessità di una reale autonomia politica, economica e sociale per il proprio popolo, gli Ogoni. Un’ indicazione che, se si guarda a quello che è accaduto ed accade in Nigeria, ha, ancora oggi, un valore di attualità.

Alle undici e trenta di mattina del 10 novembre 1995, Ken Saro-Wiwa fu impiccato, dopo lunghi giorni di detenzione e di torture psicologiche e fisiche, in una caserma di Port Harcourt. Per l’impiccagione fu trasportato alla prigione di questa città. I boia, arrivati un paio di giorni prima da Sokoto, nel nord, dovettero appenderlo alla forca 5 volte prima di rubargli la vita. Con lui furono impiccati 8 suoi compagni.
Quella di Ken, uomo coraggioso scrittore e militante ambientalista, innocente, fu un assasinio di cui furono responsabili, il presidente generale Babangida e il colosso petrolifero Royal Dutch Shell, padrone assieme ad altre imprese, come Chevron ed Eni/Agip, del Delta del Niger.

Si dice che l’ impiccagione fu filmata per il piacere di Babangida, ma non vi sono tracce del filmato.. Il link con un video dove Ken appare nel tribunal di Port Harcourt e pronuncia la sua difesa è il seguente ( Ken parla in oboni, ma vi sono sottotitoli in inglese):

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=I9Gwf8UcgS0&w=540&h=304]

(altro…)