Posts Tagged ‘immigrazione europa’

L’incognita Austria

28.Aprile.2016 · Posted in extrafrica

Non è solo la chiusura del Brennero ad impensierire l’Europa ma anche le prossime mosse del parlamento austriaco che si appresta a votare una legge che, nell’attuale formulazione, prevede il sistematico rifiuto, salvo pochi casi, delle richieste di protezione internazionale in Austria. ...

Non è solo la chiusura del Brennero ad impensierire l’Europa ma anche le prossime mosse del parlamento austriaco che si appresta a votare una legge che, nell’attuale formulazione, prevede il sistematico rifiuto, salvo pochi casi, delle richieste di protezione internazionale in Austria.

(altro…)

Gentiloni: “Brennero, no a decisioni unilaterali dell’Austria. Serve cooperazione nella crisi dei profughi”

27.Aprile.2016 · Posted in politica

“Siamo ben lungi da un’invasione” (Die Presse) Il Ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka ha già annunciato per la fine di maggio controlli ai confini con il Brennero. Come reagirà l’Italia ? Qui non si tratta ...

“Siamo ben lungi da un’invasione” (Die Presse)
Il Ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka ha già annunciato per la fine di maggio controlli ai confini con il Brennero. Come reagirà l’Italia ?

Qui non si tratta (altro…)

Elezioni tedesche: non è un voto contro i migranti

05.Aprile.2016 · Posted in extrafrica

A differenza dell’opinione dominante nei media italiani, il recente voto nei tre Länder tedeschi non è stato semplicemente un voto contro una politica di accoglienza dei migranti. E’ quello che afferma Maria Luisa Pesante in un’analisi pubblicata su Sbilanciamoci.info. Segnaliamo l’articolo, che è possibile leggere cliccando qui (qui in PDF). ...

A differenza dell’opinione dominante nei media italiani, il recente voto nei tre Länder tedeschi non è stato semplicemente un voto contro una politica di accoglienza dei migranti.

E’ quello che afferma Maria Luisa Pesante in un’analisi pubblicata su Sbilanciamoci.info. Segnaliamo l’articolo, che è possibile leggere cliccando qui (qui in PDF).

(altro…)

Marcia europea per i diritti dei rifugiati

26.Febbraio.2016 · Posted in attualità

Pubblichiamo qui di seguito l’appello che sta circolando in rete in questi giorni in tutta Europa, che chiede a gran voce di smuovere le politiche europee in materia di migrazioni. Si chiede che l’Europa si adoperi subito per creare dei “viaggi sicuri” e per difendere i diritti dei rifugiati. Per questa ragione, è stata indetta una marcia ...

Pubblichiamo qui di seguito l’appello che sta circolando in rete in questi giorni in tutta Europa, che chiede a gran voce di smuovere le politiche europee in materia di migrazioni. Si chiede che l’Europa si adoperi subito per creare dei “viaggi sicuri” e per difendere i diritti dei rifugiati.

Per questa ragione, è stata indetta una marcia per il 27 febbraio. I cittadini europei scenderanno in piazza per difendere i diritti umani e dei rifugiati. Per la creazione del #SafePassage, si chiede ai governi europei di agire adesso: un viaggio sicuro da terre devastate dalla guerra a rifugi sicuri, la libera circolazione dal punto di arrivo in Europa alla meta di destinazione, no ai braccialetti, alle confische e alla chiusura dei confini!

Sono già 23 i paesi aderenti, con oltre 100 città sparse in Europa. In Italia, per ora si registrano le adesioni delle città di Lecce, FirenzePescara e Torino. Durante i cortei è gradito l’utilizzo dicartelli, striscioni e bandiere riportanti l’hashtag #SafePassage! L’obiettivo è la condivisione massiva del messaggio, è molto importante quindi utilizzare l’hashtag anche in fase di condivisionesul web di foto e contenuti video. Si accettano inoltre fischietti per far rumore per i rifugiati ed i loro diritti.

Qui di seguito il testo dell’appello in inglese, con il link all’evento internazionale Facebook, dove ci sono continui aggiornamenti sulle città che stanno aderendo all’iniziativa.

(altro…)

Emergenza profughi. Esiste una “buona accoglienza”?

24.Gennaio.2016 · Posted in varie

Diminuiscono gli sbarchi, ma aumentano i migranti nelle strutture di accoglienza (e i problemi sul territorio) Se il 2014 è ricordato come l’anno record per il numero di sbarchi, il 2015 ha di fatto seguito un trend simile. Anche se è diminuita leggermente la rotta mediterranea, il fenomeno ha interessato in misura crescente i paesi ...

Diminuiscono gli sbarchi, ma aumentano i migranti nelle strutture di accoglienza
(e i problemi sul territorio)

Se il 2014 è ricordato come l’anno record per il numero di sbarchi, il 2015 ha di fatto seguito un trend simile. Anche se è diminuita leggermente la rotta mediterranea, il fenomeno ha interessato in misura crescente i paesi balcanici e molti paesi Ue dell’Europa centrale. La Fondazione Leone Moressa, con il contributo di Open Society Foundations, ha analizzato gli elementi principali del sistema italiano di accoglienza, confrontandolo con alcune buone pratiche riscontrate in Europa. Lo studio, presentato oggi (20/01/2016) al Ministero dell’Interno, intende fornire una panoramica della situazione attuale dell’accoglienza, offrendo spunti di riflessione utili a livello nazionale e locale.

(altro…)

Libia: crisi migratoria e intervento militare

24.Agosto.2015 · Posted in punto di vista

Se l’Europa constata l’ampiezza della crisi migratoria, sembra non collegare il fatto con l’intervento occidentale contro la Libia nel 2011. Secondo il ricercatore Kader Abderrahim, ci sarebbe invece una relazione diretta tra i due fatti. Kader A. Abderrahim è ricercatore all’Iris, specialista del Maghreb e ...

Se l’Europa constata l’ampiezza della crisi migratoria, sembra non collegare il fatto con l’intervento occidentale contro la Libia nel 2011. Secondo il ricercatore Kader Abderrahim, ci sarebbe invece una relazione diretta tra i due fatti.

Kader A. Abderrahim è ricercatore all’Iris, specialista del Maghreb e (altro…)

Scotch, iniezioni e lamette. Manuale d’uso per Cie

22.Luglio.2011 · Posted in extrafrica

Lo scotch serve a immobilizzare i reclusi. Basta girarlo più volte e ben stretto intorno ai polsi e alle gambe. E quando strillano pure sulla bocca. L’iniezione invece si fa alle ragazze. Perché anche loro a volte non fanno le brave, ma bisogna pure essere cavalieri e allora meglio un sedativo che le botte. Infine ...

Lo scotch serve a immobilizzare i reclusi. Basta girarlo più volte e ben stretto intorno ai polsi e alle gambe. E quando strillano pure sulla bocca. L’iniezione invece si fa alle ragazze. Perché anche loro a volte non fanno le brave, ma bisogna pure essere cavalieri e allora meglio un sedativo che le botte. Infine le lamette, da rasoio. (altro…)