Posts Tagged ‘icorn norvegia’

Giornalisti perseguitati: assemblea di ICORN in Norvegia

23.Maggio.2008 · Posted in attualità

ICORN, la rete internazione delle città dei rifugiati, si è riunita recentemente in Norgegia. Oggetto dell'assemblea generale: questioni riguardanti i giornalisti perseguitati . ...

ICORN, la rete internazione delle città dei rifugiati, si è riunita recentemente in Norgegia. Oggetto dell’assemblea generale: questioni riguardanti i giornalisti perseguitati .

Alcuni di loro provengono dall’Iraq. “Anche quando si trovano al sicuro delle loro dimore molti scrittori iracheni sono ancora terrorizzati da questa guerra che si sta combattendo nel loro paese.  Molti credono che la guerra in Iraq si sarebbe dovuta evitare ad ogni costo”, scrive la nostra corrispondente, Rhodah Mashavave.

Mentre alcuni scrittori continuano ad essere perseguitati e a vedersi negati i diritti di libertà di espressione nei paesi dove sono nati, alcuni sono stati abbastanza fortunati da aver trovato rifugio in alcune città europee e americane.

ICORN, che sta per “International Cities of Refuge network”,  ha celebrato recentemente la sua terza assemblea generale a Stavanger, in Novergia, per discutere di alcune questioni riguardanti i giornalisti perseguitati.

Quest’organizzazione è stata in prima linea nell’offrire rifugi sicuri agli scrittori perseguitati. Quest’ultimi hanno potuto così continuare a scrivere e a esprimersi liberamente, senza paura di essere censurati o zittiti.

La maggior parte di questi scrittori fortunati provengono dall’Iraq. La guerra, che sta devastando l’antica Mesopotamia, la culla delle civiltà, ha fatto sì che gli scrittori diventassero delle specie in via di estinzione nel loro stesso paese. Anche al sicuro delle loro case, molti scrittori iracheni sono pessimisti sulla guerra che si sta conducendo nel loro paese. La maggior parte crede che si sarebbe dovuto evitare la guerra a qualsiasi costo.

“L’America è la causa della guerra e della miseria che molti iracheni affrontano oggi”, dice uno scrittore iracheno che ha chiesto di restare anonimo per motivi di sicurezza.

Gli scrittori nei paesi ospitanti devono affrontare molte sfide come imparare nuove lingue e integrarsi in nuovi ambienti. Tuttavia la maggior parte riesce a superare le difficoltà.

Per esempio Mansur Rajih, un poeta dello Yemen che è stato tenuto un prigione per 15 anni dal regime che governa il suo paese. Dopo l’intervento di organizzazioni come Pen e Amnesty, è stato liberato ed è stato ospitato a Stavanger, in Novergia. Rajih sta per pubblicare la sua terza collezione di poesie bilingui dalla sua città rifugio.

ICORN è un’organizzaizone che sta crescendo ogni anno sempre di più grazie al fatto che sempre più paesi in Europa e nelle Americhe stanno aprendo le proprie frontiere agli scrittori perseguitati.

Alcuni di questi scrittori che vengono ospitati, provengono da paesi come l’Iran, lo Zimbabwe, l’Afghanistan, il Camerun, la Cina, Cuba e la lista continua.

La prossima assemblea generale di Icorn si terrà nel 2009 a Barcellona, in Spagna.

 

di Rhodah Mashavave.

Commenti disabilitati su Giornalisti perseguitati: assemblea di ICORN in Norvegia Tags: ,