Posts Tagged ‘francia’

MALI: Al Qaeda promette di terrorizzare l’Europa

16.Gennaio.2013 · Posted in attualità

Al-Qaeda promette attacchi terroristici in Europa dopo l’invasione francese in Mali. Al-Qaeda nel Maghreb islamico, appartenente alla CIA, ha ribadito il suo proposito di uccidere cittadini francesi in risposta all’invasione del paese africano del Mali organizzata da quel governo [francese]. ...

Al-Qaeda promette attacchi terroristici in Europa dopo l’invasione francese in Mali.

Al-Qaeda nel Maghreb islamico, appartenente alla CIA, ha ribadito il suo proposito di uccidere cittadini francesi in risposta all’invasione del paese africano del Mali organizzata da quel governo [francese].

(altro…)

Chi si credono di essere questi francesi?

09.Aprile.2011 · Posted in punto di vista

Questa è una mail che abbiamo ricevuto da fonti vicine al presidente Gbagbo della Costa d'Avorio. ...

Chi si credono di essere questi francesi?
Paracadutisti francesi combattono in Costa d’Avorio!

“Gbagbo deve andare”, “kadhafy, deve andare”. Queste sono le frasi insolenti pronunciate da Sarkozy e Juppé.

Per caso i popoli dell’Africa hanno incaricato i politici francesi di decidere al loro posto?

Dopo aver armato i ribelli ivoriani, Ouattara ha contribuito a barare spudoratamente, dopo aver consegnato la TV a Ouattara, dopo aver consegnato ai ribelli informazioni sulla posizione degli uomini di Gbagbo, la Francia impegna i suoi paracadutisti nei combattimenti in Costa d’Avorio. La televisione ha mostrato un elicottero che faceva scendere dei soldati francesi sui tetti degli edifici nei pressi della televisione di stato della Costa d’Avorio.

Perché? Gli uomini di Ouattara sono in difficoltà, la televisione di stato della Costa d’Avorio continua le sue emissioni, e sembra che Ouattara sia stato estromesso dal Golf Hotel, che sarebbe ora controllato dagli uomini di Gbagbo. Per la prima volta, l’UNOCI (missione dell’Onu in Costa d’Avorio, NdT) ha annunciato che le forze ribelli di Ouattara hanno ucciso quasi 300 persone a Duékoué anche se non c’era la benché minima resistenza.

Sarkozy e Juppé sostengono gli assassini e ci dicono che questi assassini non hanno truffato, dopo che hanno rapito gli osservatori dell’Unione europea, e dicono che questi assassini porteranno la democrazia una volta arrivati al potere!

Assassini che non hanno esitato a uccidere un professore francese di Yamoussoukro, un concittadino di Sarkozy, semplicemente perché sosteneva Gbagbo!

Noi dalla pelle nera, siamo sempre stati presi per pazzi, per persone che possono ingoiare qualsiasi tipo d’insalata.

Ouattara non ha mai vinto le elezioni in Costa d’Avorio. Si tratta di un imbroglio. Sarkozy se sostieni il contrario dimostralo con una vera argomentazione verbale. Potresti chiedere a Sorro Guillaume, presidente del Céni.

Sarkozy, gli africani non ti hanno mai chiesto di decidere al posto loro cosa è meglio per loro, occupati della Francia che è il posto che ti ha eletto e che ti caccerà quanto prima. Tuttavia, prima che tu te ne vada, dicci che cosa fanno i paracadutisti francesi in Costa d’Avorio?

La Françe-Afrique e i tuoi media svaniranno così come faranno le tue bugie. Tu e Ouattara siete degli impostori!

 

Di Dani Nimbou Koumbi.

La Francia cerca di attaccare la Costa d’Avorio

28.Marzo.2011 · Posted in politica

L'ambasciatore ivoriano Pierre Lobougnon e consulente diplomatico per il presidente Laurent Gbagbo ha sottolineato il ruolo della Francia nel distorcere il risultato delle elezioni presidenziali in Costa d'Avorio. ...

“Dobbiamo bloccare la risoluzione presentata dalla Francia all’Onu che sta cercando di creare le condizioni per attaccare militarmente la Costa d’Avorio”.

Lo ha detto pochi minuti fa l’ambasciatore Pierre Lobougnon durante la conferenza sulle guerre in Africa in corso a Catania.

Libia: Frattini riferisce oggi in Senato-esteri.it

23.Marzo.2011 · Posted in attualità

La Nato scende in campo dopo l’accordo politico tra Usa, Francia, e Gran Bretagna in sintonia con la posizione dell’Italia ed ora i rappresentanti dei 28 Stati membri dell’Alleanza sono riuniti a Bruxelles per “tradurre” l’indicazione in un nuovo schema operativo di comando. ...

La Nato scende in campo dopo l’accordo politico tra Usa, Francia, e Gran Bretagna in sintonia con la posizione dell’Italia ed ora i rappresentanti dei 28 Stati membri dell’Alleanza sono riuniti a Bruxelles per “tradurre” l’indicazione in un nuovo schema operativo di comando.

Intanto in Parlamento, oggi al Senato, domani alla Camera, il governo attraverso gli interventi dei ministri Franco Frattini e Ignazio La Russa illustrerà la posizione dell’Italia quale Paese che, a pieno titolo, partecipa alla coalizione internazionale chiamata ad operare per il rispetto della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Il Segretario Generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen ha detto che il Consiglio Atlantico ha stabilito che la NATO farà rispettare l’embargo sulle armi alla Libia previsto dalla risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza dell’Onu. Ed ha aggiunto che sono stati completati anche i piani per un eventuale coinvolgimento della NATO nel rispetto della “no-fly zone”. Tutti gli alleati – ha affermato Rasmussen – si sono impegnati per assumersi le loro responsabilità come previsto dalla risoluzione delle Nazioni Unite per fermare l’intollerabile violenza contro i civili libici”. L’embargo sulle armi sarà imposto con l’uso dei mezzi navali ed aerei che dovranno “monitorare, denunciare e, se necessario, fermare le navi sospette di trasportare armi illegali o mercenari”.

Fonte: comunicato stampa esteri.it