Sudafrica: la tecnologia serve a cambiare il paese

04.Agosto.2008 · Posted in tecnologia

forgood.co.za-web Il paese di Nelson Mandela non è conosciuto solo per le recenti violenze.

Il Sudafrica è anche il paese che ospita un’importante organizzazione con l’obiettivo di aiutare la gente.

Si chiama Heartlines forgood e usa le moderne tecnologie della comunicazione per far in modo che le persone si aiutino reciprocamente.

Africanews.it ha intervistato via email la responsabile comunicazione di Forgood.co.za, Claire Taylor.

Quando avete iniziato?
Heartlines forgood ha aperto le sue attività alla fine di aprile 2008.

Chi ha avuto questa idea?
Forgood è nata da un’idea del dr. Garth Japhet. E’ un medico specializzato nel trattamento del HIV e dell’AIDS. Consapevole che questo lavoro non migliorava la qualità della vita della gente, ha deciso di fondare il Soul City Institute for Health and Development (Istituto Soul City per la salute e lo sviluppo), diventandone amministratore delegato.

Nel 2006 Japhet creava un progetto di educazione multimediale chiamato Heartlines con lo scopo di aiutare la gente a vivere secondo valori sani. Inizialmente si è servito di 8 films riguardanti 8 valori mandati in onda per 8 settimane. Da allora, il progetto Heartlines si è sviluppato in tanti programmi. Per esempio ce n’è uno per le scuole, uno per i giovani, per le chiese e per i servizi sociali. Tutto è fatto con lo scopo di aiutare le persone a vivere secondo valori che sentono propri.

Forgood è un’iniziativa di Heartlines. Si tratta di un movimento che usa la tecnologia, in particolare gli Sms (i messaggi veicolati tramite i cellulari) e internet per permettere alle persone di comunicare e di mobilitarsi per fare del Sudafrica un paese migliore. Una volta che la tecnologia sarà pronta, forgood sarà in grado di permettere alla gente di mettersi in comunicazione in base ai loro bisogni – per zone geografiche, per lingua, in base alle circostanze o agli argomenti di maggiore interesse.
african-mobile
L’azione della società si basa sul principio in base al quale le persone vogliono migliorare le proprie condizioni e quelle degli altri, ma non sanno come fare. Attraverso sms inviati regolarmente, i membri sono incoraggiati ad agire concretamente nei confronti di altre persone (membri della famiglia, amici, gruppi sociali come squadre di calcio o gruppi di lettura o altri) per rendere il Sudafrica un paese più sicuro e più felice.

Chiunque si può iscrivere a Forgood registrandosi sul sito www.forgood.co.za oppure inviando un sms in Sudafrica al numero 32197 scrivendo “GOOD” nel corpo del messaggio. Subito dopo essersi iscritti, i membri ricevono un libricino con le istruzioni delle azioni da intraprendere. Inoltre ricevono sms regolarmente per ispirarli a compiere una buona azione ogni mese, precisamente il primo sabato di ogni mese.

La prima azione, che ha avuto luogo il 5 luglio, aveva come obiettivo quello di ridurre il crimine e rendere il Sudafrica un paese più sicuro.

Attraverso una serie di messaggi Sms, ai membri è stato chiesto di:

  • Creare un gruppo di persone attraverso il quale impegnarsi a non commettere crimini e a non tollerare crimini commessi da altri.
  • Andare alla stazione di polizia più vicina a mezzogiorno del 5 luglio, dove:
    • Hanno conosciuto un ufficiale di polizia
    • Hanno capito come aiutarla / aiutarlo
    • Hanno promesso solennemente di impegnarsi a non commettere crimini e a non tollerare crimini fatti da altri, anche se si tratterà di piccoli crimini. Questo comprende anche il fatto di incoraggiare le persone ad usare la Primedia’s crime line e il numero verde SAPS (due numeri verdi predisposti dalle autorità per combattere il crimine).
    • Hanno chiesto alla polizia di fare la stessa solenne promessa con loro.

La seconda azione, che ha avuto luogo il 2 agosto, ha avuto come obiettivo quello di organizzare attività ricreative per i bambini e i giovani, perché questo riduce le probabilità di commettere crimini. Via messaggi sul cellulare, ai membri è stato chiesto di:

  1. organizzare un’attività ricreativa con un gruppo di bambini che conoscono o che vivono nel loro quartiere.
  2. trovare un doposcuola o un centro ricreativo per bambini o giovani nella loro zona e chiedere cosa possono fare per aiutare

Come si sostiene economicamente?
Si basa sulle donazioni. Il primo donatore è la First National Bank. Tuttavia, l’obiettivo è che Heartlines Forgood inizi a produrre utili attraverso pubblicità non ossessive. Pensiamo di scrivere una guida che indichi cosa le società di pubblicità possono pubblicizzare sul sito, in modo che anche loro possano sostenere valori sani.

Quali sono i numeri dell’organizzazione? Cioè quante persone ci lavorano, cosa ne pensano i sudafricani di questo servizio, cosa è cambiato per la gente da quando avete iniziato?
Attualmente i membri sono oltre 20mila ma il numero cresce quotidianamente.
Abbiamo avuto risposte molto positive da singole persone. I nostri membri ci hanno anche inviato alcune idee di cose da fare per le proprie comunità.

Quante persone lavorano per quest’organizzazione?
Il gruppo principale di Heartlines forgood è di 5 persone, ma chiamiamo altri professionisti a seconda delle necessità. Uno dei punti di forza è che si avvale di collaborazioni con diverse organizzazioni, che agiscono un po’ da “ambasciatori”, a seconda dell’azione del mese.

Dove si trova la sede principale?
A Johannesburg

Quali sono i vostri obiettivi nel breve periodo?
Sappiamo di non volere l’iscrizione di milioni di persone, almeno non nel breve periodo. Inoltre siamo consapevoli che questo progetto ha bisogno di svilupparsi lentamente, attraverso il passaparola. Vogliamo che diventi un movimento della società e che le persone di buona volontà vi partecipino. Quindi nel breve periodo l’obiettivo è quello di ispirare e mettere in rete la gente attraverso l’esempio di persone ordinarie che vogliono rendere il Sudafrica un paese migliore.

Foto: futureatlas.com

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

Leave a Reply