Rafforzare collegamenti nel Mediterraneo, Abdessalem

20.Febbraio.2012 · Posted in extrafrica

La questione dell’immigrazione, la necessità di rafforzare il collegamento tra le due sponde del Mediterraneo, le aspettative di crescita economica e democratica che accompagnano le “Primavere arabe”: sono i temi al centro dell’intervento del ministro degli esteri tunisino Rafik Abdessalem che ha presieduto insieme al ministro Giulio Terzi il Foro di dialogo “5+5” svoltosi a Villa Madama a Roma.

“Servono rapporti più flessibili tra le due sponde”, ha affermato il ministro tunisino. Flessibilità che passa anche attraverso la questione dei visti, ha proseguito Abdessalem. Necessario facilitarne la concessione, soprattutto per consentire ai giovani di spostarsi e di potere accedere più facilmente agli studi universitari.

  • 16.00 – Terzi, su immigrazione rafforzare asse due sponde

Il fenomeno delle migrazioni non riguarda più unicamente la dimensione Sud-Nord ma riguarda anche la dimensione Sud-Sud, in questa direzione deve muoversi il rafforzamento della partnership tra i Paesi del Dialogo 5+5 . Lo ha ricordato il ministro Giulio Terzi, nel corso della conferenza stampa che si è tenuta a villa Madama, al termine della Nona Conferenza dei ministri degli Esteri del Dialogo nel Mediterraneo Occidentale, 5+5. Il problema delle migrazioni, ha proseguito Terzi, rappresenta una “chiave che è altrettanto rilevante per i cinque Paesi del Mediterraneo nostri partner, per risolvere i loro problemi sociali che affrontano i Paesi della sponda Sud”. “In questo senso – ha detto Terzi – c’é un partenariato sincero e molto voluto tra Paesi europei e della sponda Sud”.

  • 14.30 -Terzi, fermare violenze in Siria

L’obiettivo della nostra azione diplomatica è “fermare le violenze, fermare le stragi, trovare una nuova stabilità per un grande paese come la Siria che dovrà rispettare i diritti di tutti”. Lo ha detto il ministro Giulio Terzi al termine della riunione del 5+5 a Villa Madama. “Sosteniamo il progetto della Lega Araba“, ha sottolineato Terzi, spiegando che “agiamo in concerto con i partner della Ue“. La riunione di venerdì a Tunisi degli ‘amici della Siria’, ha spiegato ancora il titolare della Farnesina, è una “iniziativa diplomatica di grande rilievo.

  • 13.30 – Terzi, ora è “il dialogo dei 10”

Il foro di dialogo 5+5 tra paesi della sponda nord e sud del Mediterraneo ora è divenuto “il dialogo dei 10”. Lo ha detto il ministro Giulio Terzi, nel corso della conferenza stampa, a Villa Madama, che ha concluso la riunione dei 5+5, a significare una rinnovata unità e comunità di intenti tra i paesi. Dai 10, ha detto Terzi, è venuto “il sostegno alle istituzioni democratiche ed al rilancio economico” dell’area.

  • Riparte il dialogo Euro-Mediterraneo – A Roma le riunioni “5 + 5” e Foromed

Il dialogo Euro-Mediteranneo riparte da Roma, sotto la spinta propulsiva dell’Italia: al via a Villa Madama la riunione del 5+5, il Foro di dialogo che raggruppa, da una parte, Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Malta e, dall’altra, Algeria, Tunisia, Marocco, Libia e Mauritania. E che, nel pomeriggio, vedrà anche la partecipazione di Egitto, Grecia e Turchia nel formato allargato di Foromed. Sicurezza regionale, flussi migratori, energia, tutela dell’ambiente, sviluppo, sono temi che i capi delle diplomazie dovranno affrontare.

In primo luogo, come ha sottolineato a più riprese il Ministro Giulio Terzi, con concretezza. L’approccio del 5+5, ha spiegato Terzi, deve avere “un carattere concreto e operativo”. E per aiutare le transizioni in corso nei paesi della Primavera araba, secondo il titolare della Farnesina, “occorre agire in fretta con aiuti concreti e strategie a lungo termine”. In questo complesso sistema di interrelazioni, l’Italia intende giocare un ruolo di primo piano: una priorità, quella mediterranea che è un leit-motiv tradizionale della sua politica estera ma che ora ha un impulso anche maggiore. ”Abbiamo registrato – ha detto Terzi – una forte domanda di Italia, di presenza del nostro Paese: è un’esigenza delle classi politiche e degli operatori economici perché veniamo visti come il Paese che può focalizzare meglio l’attenzione dell’Unione europea verso la casa comune che è il Mediterraneo”.

Il Foro di dialogo che si riunisce nella Capitale resta l’organismo più flessibile e più adatto a gestire le molte realtà ‘costrette’ dalla geografia e dalla storia a convivere e a disegnare un futuro possibile. A partire dalla necessità di spostare verso sud più fondi europei. Un obiettivo che vede il titolare della Farnesina in prima linea. Il capo della diplomazia italiana giudica “significativo” l’aumento dei fondi stanziati dalla Commissione europea per la politica di vicinato mediterranea e passati da dodici a diciotto miliardi di euro, ma vuole andare oltre l’obiettivo dei due terzi. Difficile, infatti, senza sviluppo, stabilizzare i paesi del sud del Mediterraneo, alcuni dei quali oscillano pericolosamente tra crisi economica e voglia di democrazia consolidata.

 

Fonte: esteri.it

Articolo interessante? Aiutaci a crescere con una donazione via Paypal o tramite Iban: IT97M36000032000CA005648709

One Response to “Rafforzare collegamenti nel Mediterraneo, Abdessalem”

  1. Sono micocrhana e mi vene ridere a sentire xchiacchiere di questo tipo. Souad Sbai e la sola che difende diritti nostri. Scusate italiano poco corretto, ma sono qui da poco.

Leave a Reply