G8 raddoppierà aiuti all’Africa entro il 2010

11.giugno.2008 · Posted in attualità

Il gruppo delle 8 nazioni più ricche del mondo, il G8, ha deciso di raddoppiare gli aiuti all’Africa entro il 2010. La decisione è stata presa per bilanciare i finanziamenti crescenti di India e Cina.

Le nazioni più ricche del mondo riunite nel gruppo del G8 ha deciso di rimanere fedele all’obiettivo di raddoppiare i propri aiuti all’Africa entro il 2010. I lavori del G8 di Tokyo di questi giorni servono a preparare il summit di luglio.

Il gruppo delle 8 nazioni più ricche è concorde nel sostenere il bisogno di “una cooperazione concreta con i paesi donatori emergenti”, ha detto il ministro degli esteri giapponese, Masahiko Komura, durante una conferenza stampa. (altro…)

Africa in ‘africano’… e non solo

09.giugno.2008 · Posted in varie

arabo:africa-arab.jpg

Swahili e molte altre lingue: Afrika

Français: Afrique

English: Africa

Tedesco: Afrika

Spagnolo: África

Polacco: Afryka

Finlandese: Afrikka

Commenti disabilitati su Africa in ‘africano’… e non solo Tags: ,

Tuareg: cenni storici

09.giugno.2008 · Posted in speciali

di Ivan Mangiola,

Tra le etnie islamiche di discendenza uterina e orientamento ginecocratico, quella berbera-tuareg è forse la più nota in occidente, sia in virtù della vicinanza geografica, sia per la maggiore affinità antropologica e culturale al panorama mediterraneo.
Il termine berbero, con il quale vengono designate fin dall’epoca greco-romana le popolazioni originarie dell’attuale Maghreb, la fascia ovest del Nordafrica, ossia Marocco, Algeria e Tunisia, non assume una valenza di natura bioantropologica. L’etimologia della parola va ricercata nel termine “barbaroi”, usato per designare i non parlanti la lingua di koinè o il latino, e qualificati perciò come balbuzienti.

Commenti disabilitati su Tuareg: cenni storici Tags: ,

Zimbabwe: le violenze colpiscono le donne

09.giugno.2008 · Posted in attualità

Quando si verificano terremoti politici, economici e sociali, sono principalmente le donne che zimbabwe-woman2-babastevefiniscono per occuparsi dei giovani, degli anziani e degli infermi.

Oggi in Zimbabwe l’instabilità politica e la violenza ha reso le donne e le ragazze più vulnerabili. Le bande armate e i veterani di guerra le hanno preso di mira forzandole a partecipare a riunioni politiche e a veglie notturne.

In questi centri politici le giovani donne sono più vulnerabili ed è più probabile che vengano violentate e che subiscano altre violenze semplicemente per il fatto di essere donne. (altro…)

Africanews.it e Associazione Giovani Oggi

07.giugno.2008 · Posted in varie

Il 25 maggio 2008, giornata mondiale dell’Africa e anniversario della nascita dell’Unione Africana, nel web italiano nasce Africanews.it, il portale d’informazioni sul Continente culla dell’umanità.

Si tratta di un’informazione proveniente, prevalentemente, da giovani reporter che sono nati e che vivono in Africa. Tuttavia gli africani vivono anche in Italia. In alcuni casi, sono anche italiani. logoagoPer questo su Africanews.it si trovano notizie di afro-italiani, cioè di coloro che hanno stretti legami con il Continente.

Nonostante il fatto che l’età media della popolazione in Africa sembra sia destinata a salire, secondo i dati del U.S. Department of Health and Human Services, il futuro non può che appartenere a chi farà dell’Africa la più grande opportunità di sviluppo sostenibile per l’intero pianeta.

É molto probabile che saranno i giovani di oggi a cogliere quest’opportunità. A livello mondiale, intanto, la partita per lo sfruttamento delle materie prime si sta giocando in questi anni.

Un partita che vede nuovamente l’Africa al centro degli interessi delle potenze del pianeta. In Occidente si manifesta sempre di più l’intolleranza verso coloro che sono ritenuti diversi. Tra questi ci sono gli africani.

Dopo le marce di Gandhi in India contro il razzismo legalizzato e il colonialismo britannico, dopo le marce di Martin Luther King e i discorsi di Malcolm X per l’abolizione della discriminazione razziale negli Usa, dopo la lotta di Nelson Mandela (che era considerato un terrorista) per l’abolizione dell’apartheid in Sudafrica, ancora oggi c’è chi sostiene tacitamente la necessità di leggi discriminatorie delle minoranze razziali, etniche, religiose e di genere.

Per questo e per molti altri motivi Ago e Africanews.it hanno stretto un patto di collaborazione. Un patto che inizia con lo scambio link sui rispettivi siti internet e che coinvolge le persone che ci lavorano…

…Persone che credono che un mondo migliore sia ancora possibile…
…Persone che lavorano affinché domani sia un giorno migliore.

Commenti disabilitati su Africanews.it e Associazione Giovani Oggi Tags: ,

Kenya: turismo in ripresa

07.giugno.2008 · Posted in attualità

Il governo del Kenya ha lanciato nei giorni scorsi un’aggressiva campagna pubblicitaria per attrarre visitatori.

Il ministro del turismo del paese dell’Africa orientale, infatti, ha visitato diversi paesi europei. L’obiettivo è di rilanciare il brand Kenya come meta turistica dopo la caduta verticale delle presenze di stranieri nel paese a causa delle violenze seguite ai risultati elettorali all’inizio di quest’anno.

La Rai trasmetterà un telefilm sul Kenya e sul suo turismo, mentre altre celebrità dovrebbero visitare il paese in uno sforzo mediatico per rilanciare il turismo. (altro…)

Kenya: atleti in preparazione per le olimpiadi

06.giugno.2008 · Posted in sports

Sono più di 120 gli atleti del Kenya che si stanno allenando per partecipare alle prossime olimpiadi che si terranno a Pechino nel mese di agosto.

Il corrispondente in Africa orientale, Ken Chelimo, racconta i preparativi per le selezioni della squadra olimpica del Kenya che si terranno nelle prime settimane di luglio.

Una parte della squadra olimpica dello stato dell’Africa orientale si è trasferita per gli allenamenti presso il campus di Chepkoilel del Moi University, situato a 360 km da Nairobi e a 10 km da Eldoret town, il centro sportivo degli atleti kenioti. Un’altra parte della squadra si sta preparando presso il High Altitude Performance Training Centre (HAPTC), un centro che fa parte del Comitato olimpico internazionale a pochi chilometri da Eldoret town. Gli sportivi sono seguiti da due allenatori: Julius Kirwa che allena la nazionale e Joseph Ngure che dirige il centro sportivo HAPTC.

Tra gli atleti che si stanno già preparando per Pechino c’è Ezekiel Kemboi, specializzato nei 3000 siepi. Kemboi guida il gruppo al Chepkoilel Camp. Ci sono Brimin Kipruto, medaglia d’argento nei 3000 siepi alle ultime olimpiadi, e Augustine Choge, campione junior. Del gruppo fanno parte anche Asbel Kiprop, che si è già qualificato nei 3000 siepi per le prossime olimpiadi, e Isaac Songo, campione junior.

Ogni atleta sta lavorando sodo per rientrare nella rosa di nomi che farà parte della squadra olimpica nazionale dopo le selezioni che si terranno nelle prime settimane di luglio. Intanto l’Etiopia, rivale di sempre del Kenya, nelle lunghe e medie distanze non ha ancora formato la propria squadra olimpica e molti kenioti sanno che si dovranno battere con talenti del calibro di Kenenise Bekele e Asebu Mesekevu.olympic games China 2008

Janet Jepkosgei e Pamela Jelimo, che hanno dominato i mondiali degli 800m devono ancora confrontarsi nelle prove dopo le recenti gare in Germania alla golden league di Berlino. Entrambe provengono dallo stesso villaggio nel distretto di Nandi, a pochi chilometri da Eldoret. Sarà interessante vederle confrontarsi alle qualificazioni visto che Jelimo ha segnato il nuovo record degli ultimi 11 anni di 1 minuto e 54 secondi nella capitale tedesca facendo arrabbiare la campionessa Janet.

di Ken Chelimo

Commenti disabilitati su Kenya: atleti in preparazione per le olimpiadi Tags: ,

OBAMA VINCE E IL KENYA FESTEGGIA

06.giugno.2008 · Posted in politica

obama-usflagLa vittoria delle primarie negli Usa del candidato democratico alla presidenza, Barrack Obama, ha fatto sì che il Kenya – cioè il paese d’origine del senatore dell’Illinois – festeggiasse.

Canti, balli, banchetti di cibo secondo la tradizione della comunità Luo (l’etnia del padre del candidato democratico) si sono svolti in alcune zone del Kenya.

Subito dopo l’annuncio dei risultati, il Kenya, e in particolare la provincia di Nyanza, dove il padre di Obama è nato ed è cresciuto, ha festeggiato la vittoria della nomination per la Casa Bianca. La nonna di Obama, Sarah Obama, era particolarmente euforica per i risultati. Non aveva parole per esprimere ciò che provava di fronte ai vicini di casa e agli amici che venivano a farle visita dal vicino paesino di campagna di K’ogalo nel distretto di Siaya (circa 500 km da Nairobi)  per esprimere messaggi di giubilo e congratulazioni. (altro…)

“L’Africa che voglio” – di Rhodah Mashavave

04.giugno.2008 · Posted in attualità

“Tra 15-20 anni l’Africa starà bene”, ha detto un tassista turco. taxidriver-leonid-mamchenkov

La corrispondente di Africanews.it, Rhodah Mashavave, racconta i pensieri che ha avuto sul suo paese, lo Zimbabwe, e sul suo continente durante un recente viaggio in Germania.

Descrive ciò di cui avrebbe bisogno l’Africa, secondo lei, per stare finalmente “bene”: fermare le malattie, recuperare le lingue africane, fermare il commercio delle armi, e avere leader politici più responsabili. (altro…)

Kibaki esorta per maggiore cooperazione economica in Africa orientale

29.maggio.2008 · Posted in attualità

120 milioni di persone vivono su una superficie di 1,8 milioni di chilometri quadrati, con un Pil che ammonta a circa 41 miliardi di dollari. Questi i numeri dell’Africa orientale, la regione di Kibaki, presidente del Kenya.

Durante una conferenza, Kibaki ha recentemente sottolineato l’importanza di una maggiore cooperazione economica e di un’integrazione politica più forte, aggiungendo che l’attuale cooperazione economica è la base da cui partire per l’unità politica dell’Africa orientale. (altro…)