Archive for the ‘cultura’ Category

Sicilia e Kenya collaborano per il patrimonio culturale

29.Marzo.2016 · Posted in cultura

Il Kenya chiede la collaborazione della Regione Siciliana per la ricerca e valorizzazione del patrimonio culturale sommerso. La Soprintendenza del Mare in missione a Nairobi e MombasaSu invito del Ministero della Cultura del Kenya dal 15 ed il 21 marzo il prof. Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare della Regione Siciliana, in rappresentanza dell’Assessorato per i ...

Il Kenya chiede la collaborazione della Regione Siciliana per la ricerca e valorizzazione del patrimonio culturale sommerso. La Soprintendenza del Mare in missione a Nairobi e MombasaSu invito del Ministero della Cultura del Kenya dal 15 ed il 21 marzo il prof. Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare della Regione Siciliana, in rappresentanza dell’Assessorato per i BB CC e IS della Regione Siciliana, è stato in missione in Kenya.
(altro…)

Città del Capo – Dall’Italia borse di studio per studenti sudafricani

29.Marzo.2016 · Posted in cultura

La Farnesina ha lanciato un programma di borse di studio per cittadini sudafricani e italiani residenti nel Paese africano che vogliono continuare i loro studi o progetti di ricerca in Italia. ...

La Farnesina ha lanciato un programma di borse di studio per cittadini sudafricani e italiani residenti nel Paese africano che vogliono continuare i loro studi o progetti di ricerca in Italia.
(altro…)

Storia del juke box incanta il Kenya

20.Marzo.2016 · Posted in cultura

Da “Tu vuò fa l’americano” a “Il cielo in una stanza”, da “Il ragazzo della Via Gluck” a “Io vagabondo” passando per “Ancora tu” e “La mia banda suona il rock”. Senza dimenticare “Azzurro”, “L’italiano”, “Attenti al lupo”. E’ il repertorio – che va dagli anni ‘50 agli anni ‘90 – proposto da Easypop: un ...

Da “Tu vuò fa l’americano” a “Il cielo in una stanza”, da “Il ragazzo della Via Gluck” a “Io vagabondo” passando per “Ancora tu” e “La mia banda suona il rock”. Senza dimenticare “Azzurro”, “L’italiano”, “Attenti al lupo”. E’ il repertorio – che va dagli anni ‘50 agli anni ‘90 – proposto da Easypop: un gruppo della provincia di Roma.
  
Gli Esasypop sono 6 amici che unendo le loro esperienze musicali hanno realizzato uno spettacolo – “La Storia del Jukebox” – grazie al quale il pubblico ha la possibilità di tornare indietro nel tempo: proprio come quando si entrava nei bar e si trovava un juke box pronto a suonare.
(altro…)

“Echi di Eco” – Algeri ricorda il grande scrittore

15.Marzo.2016 · Posted in cultura

La rete diplomatica italiana ad Algeri ricorda Umberto Eco: a venti giorni dalla morte dello scrittore, l’ambasciata italiana in Algeria, insieme all’Istituto italiano di cultura, rende omaggio al grande autore italiano. ...

La rete diplomatica italiana ad Algeri ricorda Umberto Eco: a venti giorni dalla morte dello scrittore, l’ambasciata italiana in Algeria, insieme all’Istituto italiano di cultura, rende omaggio al grande autore italiano.

(altro…)

Tunisi: Un albero per gli eroi 

10.Marzo.2016 · Posted in cultura

Tunisi – Un albero per gli eroi: il primo Giardino dei Giusti in un Paese arabo Per la prima volta anche un Paese arabo avrà il suo Giardino dei Giusti: sarà la Tunisia ad ospitarlo all’interno dell’Ambasciata italiana a Tunisi . Ad annunciarlo il Ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Paolo Gentiloni, con ...

Tunisi – Un albero per gli eroi: il primo Giardino dei Giusti in un Paese arabo
Per la prima volta anche un Paese arabo avrà il suo Giardino dei Giusti: sarà la Tunisia ad ospitarlo all’interno dell’Ambasciata italiana a Tunisi . Ad annunciarlo il Ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Paolo Gentiloni, con un messaggio trasmesso nel corso della cerimonia di dedica di sei nuovi alberi nel Giardino dei Giusti di Milano, in occasione della Festa della Donna. 

  
“Abbiamo pensato alla (altro…)

“Due sponde un solo mare”

26.Febbraio.2016 · Posted in cultura

“Due sponde un solo mare” Progetto di Roberta Conigliaro, scultrice e autrice della Personale omonima Trapani, Museo Regionale “Agostino Pepoli” 12 marzo – 10 aprile 2016 Inaugurazione 11 marzo, ore 18.00   Due continenti, l’Africa e l’Europa, uno di fronte all’altro, separati da una striscia di mare, il Mediterraneo, il “mare di mezzo”. Un mare ...

“Due sponde un solo mare”
Progetto di Roberta Conigliaro, scultrice e autrice della Personale omonima
Trapani, Museo Regionale “Agostino Pepoli”
12 marzo – 10 aprile 2016
Inaugurazione 11 marzo, ore 18.00
 

Due continenti, l’Africa e l’Europa, uno di fronte all’altro, separati da una striscia di mare, il Mediterraneo, il “mare di mezzo”. Un mare sulle cui coste si affacciano diversi popoli, con differenti culture che nei secoli si sono scontrati ma anche mescolati lasciandoci un patrimonio artistico che risente di queste reciproche influenze.

(altro…)

“Il Grande Futuro” un libro nato dall’incontro con un giovane Al-Shabaab

18.Febbraio.2016 · Posted in cultura

“Più passavo il tempo a guardarlo negli occhi, l’unica parte non coperta del suo viso, più mi rendevo conto che lui, quello che mi era sempre stato descritto come il nemico, era simile a me. Quasi uno specchio in cui vedere me stesso”. E’ nello sguardo di un giovane ex combattente di Al Shabaab, incontrato ...

il-grande-futuro-giuseppe-catozzella

“Più passavo il tempo a guardarlo negli occhi, l’unica parte non coperta del suo viso, più mi rendevo conto che lui, quello che mi era sempre stato descritto come il nemico, era simile a me. Quasi uno specchio in cui vedere me stesso”.

E’ nello sguardo di un giovane ex combattente di Al Shabaab, incontrato al confine tra Kenya e Somalia, che nella mente dello scrittore Giuseppe Catozzella si è accesa la scintilla divampata nel suo nuovo romanzo: “Il grande futuro”, edito da Feltrinelli. (261 pag. 16 euro)

Lo ha raccontato lo stesso autore alla libreria Feltrinelli di Como dove, lo scorso  12 febbraio, è tornato a due anni di distanza dalla presentazione di “Non dirmi che hai paura”, il libro che lo ha fatto conoscere al grande pubblico portandolo tra i cinque finalisti del Premio Strega di cui si è aggiudicato la sezione giovani.

Lo scrittore prosegue nel solco di un filone letterario che potremmo definire di impegno sociale: dopo aver raccontato il traffico di organi in “Espianti” (Transeuropa, 2008), le infiltrazioni mafiose in Lombarida in “Alveare” (Rizzoli, 2011; Feltrinelli, 2014) e il fenomeno migratorio nel già citato “Non dirmi che hai paura”, l’autore si concentra ora sul fondamentalismo di matrice islamica.

Un tema di grande attualità che l’autore ha voluto affrontare lasciando da parte la geopolitica e la sociologia per far parlare il volto e i passi di Amal, un giovane nato in una piccola isola al largo della Somalia (anche se il libro non contiene riferimenti geografici) in cui è in corso una guerra tra l’Esercito Regolare e i “Neri”, un gruppo di miliziani che “in una mano impugna il fucile e nell’altra il Corano”. (altro…)

“Storia del continente africano”, Roma 6 febbraio 2016

01.Febbraio.2016 · Posted in cultura

Sabato 6 febbraio 2016 alle 16.00 a Roma, presso la “Sala dei 42” dell’UPTER – Università Popolare di Roma (Palazzo Englefield, via Quattro novembre 157), José do Nascimento presenta il suo libro “Storia del continente africano. Una lettura razionale e sintetica”.  Insieme all’autore intervengono Alessandro Triulzi, storico dell’Africa Università degli Studi di Napoli L’Orientale, Francesca ...

Sabato 6 febbraio 2016 alle 16.00 a Roma, presso la “Sala dei 42” dell’UPTER – Università Popolare di Roma (Palazzo Englefield, via Quattro novembre 157), José do Nascimento presenta il suo libro “Storia del continente africano. Una lettura razionale e sintetica”. 

Insieme all’autore intervengono Alessandro Triulzi, storico dell’Africa Università degli Studi di Napoli L’Orientale, Francesca Danese, Già Assessore Politiche Sociali e Abitative di Roma, Luigia Cagnetta e Suzanne Diku, responsabili della campagna “Anche le immagini uccidono” e Fortuna Ekutsu Mambulu, direttore dell’African Summer School. 

(altro…)

Sudan – La missione archeologica italo-russa “fa scuola”

29.Gennaio.2016 · Posted in cultura

Grande risonanza per i ritrovamenti di una missione archeologica italo-russa nel sito di Abu Erteila, a circa 200 chilometri a nord di Khartoum, guidata dal professor Eugenio Fantusati (Ismeo) presso il sito di Abu Erteila (200 km a nord di Khartoum).    Tra gli altri, è particolarmente significativo il ritrovamento di un basamento per barca ...

Grande risonanza per i ritrovamenti di una missione archeologica italo-russa nel sito di Abu Erteila, a circa 200 chilometri a nord di Khartoum, guidata dal professor Eugenio Fantusati (Ismeo) presso il sito di Abu Erteila (200 km a nord di Khartoum).

  
Tra gli altri, è particolarmente significativo il ritrovamento di un basamento per barca sacra con iscrizioni che, (altro…)

Sudan – La missione archeologica italo-russa “fa scuola”

29.Gennaio.2016 · Posted in cultura

Grande risonanza per i ritrovamenti di una missione archeologica italo-russa nel sito di Abu Erteila, a circa 200 chilometri a nord di Khartoum, guidata dal professor Eugenio Fantusati (Ismeo) presso il sito di Abu Erteila (200 km a nord di Khartoum). Tra gli altri, è particolarmente significativo il ritrovamento di un basamento per barca sacra ...

Grande risonanza per i ritrovamenti di una missione archeologica italo-russa nel sito di Abu Erteila, a circa 200 chilometri a nord di Khartoum, guidata dal professor Eugenio Fantusati (Ismeo) presso il sito di Abu Erteila (200 km a nord di Khartoum).

Tra gli altri, è particolarmente significativo il ritrovamento di un basamento per barca sacra con iscrizioni che, (altro…)